Prova la versione BETA del sito e invia la tua opinione
Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Nuovo sistema di monitoraggio per i laghi sardi

16.03.05 - comunicati stampa - anno 2005
Un nuovo sistema di monitoraggio consentirà di controllare e inviare in tempo reale tutte le informazioni sulla qualità dell’acqua dei bacini artificiali sardi: è stato presentato oggi a Uta, a Genna Is Abis, diga del Cixerri. Erano presenti l’assessore regionale dei Lavori Pubblici Carlo Mannoni e il Commissario straordinario dell'Ente Autonomo del Flumendosa, Sergio Vacca.

Il progetto sarà realizzato grazie ad una convenzione stipulata tra la Regione e l'EAF e sarà esteso, per il momento, ai più importanti laghi sardi dal punto di vista dell’approvvigionamento idrico, Bidighinzu, Cedrino a Pedra e’ Othoni, Cixerri a Genna Is Abis, Cuga a Nuraghe Attentu, Fluminimannu a Is Barroccus, Mannu a Bau Pressiu, Mannu di Pattada a Monte Lerno, Mulargia a Monte Su Rei, Temo a Monteleone Roccadoria e Tirso a Sos Canales. Il totale del finanziamento regionale ammonta a circa 2,5 milioni di euro.

"E' noto che nei laghi sardi la qualità dell’acqua è molto variabile nel tempo e nello spazio verticale (le masse d'acqua dislocate a differenti profondità possono avere infatti caratteristiche di qualità anche molto differenti). La conoscenza in tempo reale dello stato di qualità permetterà di scegliere i tempi e le profondità per prelevare l’acqua migliore per gli usi potabili. Tutto ciò consentirà anche di risparmiare sui trattamenti di potabilizzazione", ha spiegato Paolo Botti, funzionario dell’EAF, autore del progetto definitivo e direttore dei lavori.

Una sonda multiparametrica, montata su una zattera, registrerà i dati e li invierà alla stazione meteorologica che, a sua volta, mediante un trasmettitore radio, li invierà al centro di acquisizione presente in ogni diga. Dalla casa di guardia i dati registrati verranno trasmessi via satellite al centro generale di acquisizione delle informazioni dell’EAF di Cagliari.

"Il nuovo sistema - ha detto Sergio Vacca - garantirà l'aggiornamento in tempo reale dei dati registrati, e tutto avverrà in meno di un minuto". Il vecchio sistema manuale coesisterà con quello automatico e servirà da riscontro dei dati delle sonde.
I lavori, realizzati dalla società CAE di Bologna in appalto integrato con l'EAF, termineranno a metà aprile. Per i primi tre anni, la gestione del sistema di monitoraggio sarà curata dall’EAF, con la supervisione scientifica dell’Università di Sassari.

"In futuro - ha continuato Sergio Vacca - sarà possibile estendere la rete agli altri serbatoi artificiali della regione e integrare la funzionalità di video-sorveglianza delle dighe con la prevenzione di emergenze legate alla gestione delle piene durante le alluvioni. Il sistema avrà anche una funzione di allerta idrogeologica e di protezione civile".


Ufficio stampa