Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Giornata mondiale del rifugiato: "Nois, la Sardegna che accoglie" domani al Teatro Massimo

19.06.16 - comunicati stampa - Comunicati stampa
In occasione della "Giornata Mondiale del Rifugiato", promossa per domani, lunedi 20 giugno, dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, la Regione Autonoma della Sardegna e Sardegna Teatro organizzano al Teatro Massimo di Cagliari "NOIS – la Sardegna che accoglie", una giornata di dialogo, confronto, spettacoli, video con ospiti istituzionali, giornalisti, rappresentanti di comunità, volontari, migranti che vede la partecipazione di Francesco Pigliaru, Presidente della Regione Sardegna, e Giuliana Perrotta, Prefetto di Cagliari. La manifestazione intende ripercorrere idealmente il viaggio dei migranti, raccontare cosa succede dopo lo sbarco e le problematiche relative all’accoglienza e all’integrazione.
"E' un'occasione per ribadire l'impegno di tutti i soggetti coinvolti che, con grande impegno e collaborazione, in questi mesi, rispondono all’emergenza dei flussi migratori portando avanti compiti difficili e gravosi con grande senso di responsabilità - commenta Angela Quaquero, delegata dal presidente Pigliaru a rappresentare la Regione Sardegna sulle questioni relative ai migranti -. Penso in particolare a Prefettura e Regione che costantemente si coordinano al meglio per superare difficoltà e ostacoli, come dimostra, da ultimo, la risoluzioni dei fatti di Sadali; penso a quei comuni che già si stanno proponendo parte attiva nell’accoglienza degli adulti e a quelli che si preparano a farlo in un clima di solidarietà e fiducia".
L'inizio della Giornata è previsto per le 9.45 con la proiezione del cortometraggio realizzato dal giornalista somalo Mohamed Zakaria Ali a Lampedusa. Il cortometraggio fa parte del progetto Confini dell’Archivio delle Memorie Migranti che raccoglie un gruppo di autori, ricercatori, registi, migranti e non, impegnati nel tentativo di dare vita a un nuovo modo di comunicare, partecipato e interattivo, che lasci traccia dei processi migratori in corso.
La giornalista di Rainews 24 e Internazionale Annalisa Camilli coordinerà le tavole rotonde. La mattina si parlerà di sbarco e prima accoglienza con Silvana Tilocca della ASL Cagliari, Genet Woldu Keflay, mediatrice culturale e Gianluca Gatta, dell’Archivio delle memorie migranti. Dopo gli interventi del presidente della Regione Francesco Pigliaru e della prefetta Giuliana Perrotta, alle ore 11:35, coordinati dalla giornalista Rai Anna Piras, caporedattore del TGR Sardegna, alle ore 12 si affrontano le questioni sulla seconda accoglienza e le attività di integrazione che l’isola offre ai migranti. Ne discutono Angela Quaquero, lo scrittore Bassirou Sow, Valeria Marrone, studentessa del Liceo Michelangelo di Cagliari e Aide Esu, dell’Università degli Studi di Cagliari.
Gli interventi saranno intervallati da "The Syrian Monologues" letti dagli attori del Teatro di Sardegna sotto la cura di Rosalba Ziccheddu. Il progetto artistico, firmato da Ashtar Theatre con le traduzioni di Andrea Atzori, è una chiamata di solidarietà internazionale che mira a diffondere le voci dei rifugiati siriani, condividendo le loro storie di agonia e di spostamento.
Il pomeriggio spazio alle proiezioni video e al teatro. Si riparte alle 17.00 con il cortometraggio di Giosi Moccia, Sardegna terra di Accoglienza e alle 18.00 l’anteprima del Convegno stile Liberos con la presentazione dello spettacolo Human di Marco Baliani e Lella Costa. Per la prima volta sarà possibile vedere la scena in costruzione realizzata da Antonio Marras. Alle 19.00 la proiezione di "Bergman in Uganda", originale installazione di Markus Öhrn che mette a confronto la borghesia bianca dei film di Bergman e il pubblico in una baraccopoli dell'Uganda.
L’intero evento, per tutta la giornata, sarà trasmesso in diretta streaming (anche sul sito Ras) condotto dalla redazione di NOIS TG migranti, progetto di Sardegna teatro e Eja tv che ha vinto il bando MigrArti del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo. L'ingresso è libero.