Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


"School makers" a Cagliari, Pigliaru: didattica digitale fondamentale per lo sviluppo de sistema scolastico

29.09.16 - comunicati stampa - Comunicati stampa
“Per dare ai nostri ragazzi un’opportunità di futuro, dobbiamo garantire a tutti un’istruzione di qualità. La Sardegna soffre di un tasso di dispersione scolastica inaccettabile. Per combatterla, abbiamo voluto iniziare dando l’opportunità agli studenti sardi di studiare in scuole accoglienti, funzionali e moderne, che siano orgogliosi di frequentare. Per questo gli interventi immediati sul fronte dell’edilizia scolastica del progetto Iscol@ sono stati per noi, sin dal primo giorno, un punto fermo. Accanto, abbiamo già avviato il programma ‘Tutti a Iscol@’ per migliorare le competenze degli studenti, investendo soprattutto sui docenti e sull’innovazione digitale. Alcune delle attività che vedete oggi sono i primi frutti concreti di Iscol@”.
Lo ha detto il presidente della Giunta Francesco Pigliaru nel corso della giornata di apertura della manifestazione ‘School Makers’ organizzata, alla Fiera di Cagliari, dalla Direzione generale della Comunicazione della Regione, in collaborazione con Intel Italia.
Il presidente Pigliaru ha ricordato, davanti a un folto pubblico di studenti e docenti che poi hanno preso parte ai workshop con vivo interesse, che “tramite Iscol@ stiamo offrendo moltissimi contenuti di cui il mondo scuola si deve appropriare, partecipando ai bandi, per crescere e soddisfare le sue esigenze. Non solo Lim e dispositivi di accesso alla rete wifi, ma numerosi interventi per migliorare ulteriormente, grazie anche alle nuove tecnologie, l’offerta didattica. E tablet perché tutti gli studenti devono avere accesso alla didattica digitale, non vogliamo trascurare nessuno. Giornate come questa sono preziose. Solo condividendo, facendo rete, possiamo crescere”, ha dichiarato Francesco Pigliaru, menzionando poi il progetto sperimentale per la diffusione della programmazione informatica che l’anno scorso ha coinvolto oltre 1.700 studenti e circa 90 docenti.
Sul fronte dell’edilizia scolastica, le azioni di manutenzione straordinaria hanno già riguardato oltre l’80% delle scuole sarde. “Stiamo pubblicando i bandi delle prime 10 Scuole del nuovo millennio che si aggiungono ai 4 bandi avviati nei mesi scorsi”, ha detto il Presidente. Nei prossimi mesi infatti sarà avviata la realizzazione di 14 scuole innovative che saranno frequentate da circa 3.000 studenti grazie allo stanziamento di 50 milioni di euro. Gli interventi, programmati in stretto rapporto tra dirigenti scolastici, insegnanti, enti locali e Regione, attribuiscono un ruolo centrale all’innovazione tecnologica.
“Sono scuole di piccoli Comuni che hanno raccolto la sfida della Regione decidendo di realizzare scuole sovracomunali capaci di trattenere gli studenti, essere aperte ai quartieri e rappresentare un volano di crescita sociale. È una buona Scuola quella disegnata per essere funzionale e permettere flessibilità e luoghi operativi al passo con i tempi, ben oltre la logica dei vecchi banchi separati”, ha concluso Pigliaru prima di intrattenersi tra gli stand in cui scuole, aziende ed enti hanno proposto i risultati del loro lavoro nel campo dell’artigianato digitale.
La dirigente per la Digital Transformation del Ministero dell’Istruzione, Donatella Solda, ha elogiato la vivacità mostrata dalle scuole sarde nel campo delle nuove tecnologie: “Rispetto alle altre regioni – ha dichiarato – il sistema scolastico sardo mostra un maggiore interesse e migliori risultati nella didattica digitale e nelle sue concrete applicazioni”.
Domani, venerdì 30 settembre, con inizio alle 9 sempre alla Fiera, l’attenzione si sposterà sul tema dell’innovazione tecnologica nell’amministrazione regionale. L’assessore degli Affari generali Gianmario Demuro illustrerà ‘La mappatura delle competenze’, lavoro appena portato a termine che offre un quadro preciso e definito delle professionalità presenti all’interno del Sistema Regione.
La giornata proseguirà con il seminario ‘I Civil Servants del XXI secolo’, coordinato dallìattrice Patrizia Mottola, sui temi della comunicazione strategica, della formazione dei comunicatori e della valorizzazione del personale. L’incontro, aperto a tutti, ha particolare valenza per i dipendenti regionali impegnati negli Uffici relazioni con il pubblico e nei campi della comunicazione e degli archivi.