Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Cantieri archeologici e paesaggistici, Erriu incontra sindaci. "Dare seguito alle attività degli operai ex Ati Ifras"

29.12.16 - comunicati stampa - anno 2016
"Occorre dare continuità alle attività svolte dai lavoratori ex Ati Ifras nei cantieri archeologici e paesaggistici. Si tratta di un apporto che in questi anni ha prodotto risultati positivi. Dobbiamo necessariamente dare seguito a questo importante contributo e la Giunta, d’intesa con i sindaci, e in accordo con il Mibact, vuole individuare le opportune soluzioni". Lo ha detto l’assessore degli Enti Locali Cristiano Erriu durante l’incontro con i primi cittadini di Carbonia, Sant’Antioco, Dorgali, Gonnesa, Santadi e Ballao e con il rappresentante della Soprintendenza ai beni archeologici di Cagliari e Oristano. "Nell’attesa che si definisca la procedura per la gara, che individui il nuovo gestore a cui affidare la valorizzazione del patrimonio minerario, non possiamo disperdere le preziose esperienze maturate in questi anni dagli operai che hanno lavorato nei parchi e nelle aree archelogiche e paesaggistici direttamente collegate ai sistemi di promozione culturale di tanti comuni”, ha aggiunto Erriu. I sindaci, che hanno preso parte all’incontro, hanno manifestato piena disponibilità a confrontarsi con la Regione per definire, in tempi rapidi, la questione. Nella fase transitoria è concreta l’ipotesi che Regione, Comuni interessati e Soprintendenza archeologica sottoscrivano una nuova convenzione per la ripresa delle attività.
Nei prossimi giorni verrà effettuata una ricognizione che riguarderà il numero degli operai e degli archeologi destinati alla tutela e valorizzazione dei parchi e dei cantieri archeologici.