Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Riconosciute premialità per l'assegnazione dei contributi per attività musicali

06.12.06 - comunicati stampa - anno 2006
Su proposta dell'assessore ad interim della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo, Sport, Carlo Mannoni, la Giunta ha approvato in via definitiva il programma annuale di interventi a sostegno delle attività musicali popolari (legge regionale 64/86 articoli 2 e 8), con uno stanziamento complessivo di 1.400.000 euro.

All'articolo 2, che riguarda le spese di funzionamento, sono stati destinati 1.050.000 euro da ripartire tra 242 organismi giudicati ammissibili, di cui 55 associazioni musicali bandistiche, 117 gruppi corali, 70 gruppi strumentali di musica sarda e folkloristici; mentre all'articolo 8 per corsi di preparazione musicale sono state assegnate 350 mila euro, da assegnare a 108 organismi.

Secondo le indicazioni dell'ottava Commissione consiliare, che ha espresso il suo parere sull'assegnazione dei finanziamenti, relativamente allo stanziamento di 1.050.000 euro dell'articolo 2 è stato deciso di assegnare una percentuale di contributo superiore del 15 per cento a dieci associazioni di lunga tradizione culturale, come premialità per la capacità gestionale. Si tratta di Collegium Karalitanum, Coro polifonico CUM di Cagliari, gruppo folkloristico San Paolo, associazione musicale Ennio Porrino, associazione musicale Stanislao Silesu, associzione Giuseppe Verdi, gruppo folkloristico Ittiri Cannedu, associazione polifonica Santa Cecilia, Banda Città di Sassari, circolo culturale folkloristico F. Bande, cui vanno 126.201,93 euro.
Tra gli altri operatori saranno ripartiti i restanti 923.798,07 euro per una percentuale del 12,24 per cento. E' stato inoltre stabilito che il tetto della spesa massima riconoscibile e ammissibile sia di 90 mila euro.

I 350 mila euro previsti per i corsi di musica (articolo 8) saranno invece così ripartiti: 5 mila euro per le bande musicali, 2.532,46 euro per i cori e i gruppi folk.