Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Agnello sardo, Caria: calo del prezzo ennesima batosta per un mondo già in ginocchio. Pronti ad aiutare di più il Consorzio Igp per migliorare il suo operato

28.12.17 - comunicati stampa - anno 2017
"Un anno nero, da dimenticare, che si chiude male così come è iniziato sul versante della riduzione dei prezzi dei prodotti ovicaprini: dal latte alle carni, passando per la lana”. Lo ha detto l’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, nel commentare l’allarme lanciato da Coldiretti Sardegna sul crollo del prezzo delle carni d’agnello che dopo Natale sono scese sotto i tre euro al chilo, addirittura intorno ai 2,8 euro.

"Come Assessorato - ha proseguito Caria - siamo pronti ad aiutare di più il Consorzio di tutela dell’Agnello di Sardegna IGP, così che migliori il suo operato e il suo ruolo di tutela sul mercato delle nostre produzioni locali. Riuscire a difendere la tipicità e la qualità delle carni nate e allevate in Sardegna è fondamentale nelle dinamiche di posizionamento sulle piazze di vendita. Ribadisco quindi al presidente del Consorzio di tutela e presidente di Coldiretti Sardegna, Battista Cualbu, tutta la disponibilità che può competere all’istituzione che rappresento per fare in modo che a pagare il prezzo più pesante non siano più e solo i produttori primari: i pastori".