Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Presentato il "Rapporto sull'Innovazione delle Regioni 2005".
La Sardegna è al primo posto tra le Regioni italiane per l'impegno dei fondi sull'innovazione.

27.06.05 - Massimo Dadea - anno 2005
E' stato presentato oggi il Rapporto 2005 sull’Innovazione delle Regioni Italiane (esso sarà disponibile nella versione integrale sul sito internet www.crcitalia.it da giovedì 30 giugno). La Regione Sardegna con i suoi 90,5 milioni di euro impegnati risulta la prima Regione in investimenti per l’innovazione ed una delle poche che ha saputo cogliere per intero le opportunità di finanziamento, da parte dello Stato, di progetti innovativi e strategici. Le grandi regioni italiane sono nettamente distanziate rispetto alla somma ottenuta dalla Sardegna (Lombardia 19,6 milioni di euro, Piemonte 7,6, Veneto 8,0 ed Emilia Romagna 9,4). La rilevanza nazionale di questo fatto è confermata dall’intera pagina dedicata oggi al problema dal Sole 24 Ore.

Si tratta di un importante successo realizzato grazie ai progetti predisposti tempestivamente dalla Regione Sardegna e in particolare dall’Assessorato agli Affari generali, che sono stati recepiti nell’Accordo di Programma Quadro del 28 dicembre 2004 e nell’atto integrativo del 13 aprile 2005, sottoscritti dalla Regione e dal Governo. E’ il riconoscimento ufficiale dell’intenso lavoro svolto in questi 12 mesi: abbiamo recuperato i ritardi precedenti, modificato la strategia ed i contenuti della Società dell’informazione, rivisto comportamenti e procedure. La capacità progettuale della Regione ha saputo produrre idee innovative in un nuovo quadro di sviluppo informatico dell’intero sistema regionale.

I due accordi contengono un sistema coordinato di interventi che spaziano dall'e-government regionale, all’ammodernamento delle infrastrutture di rete telematica, alla realizzazione di strumenti per la pianificazione e gestione del territorio, alla creazione di Centri Servizi destinati al potenziamento dei servizi in rete ai cittadini e alle imprese, all’erogazione di servizi sanitari con il supporto delle tecnologie telematiche ed informatiche. La validità e innovatività di tali interventi sono state riconosciute ampiamente dal Ministero dell’Innovazione.