Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Soru davanti al Governo sulla Finanziaria: ci sentite ma non ci volete ascoltare

29.09.05 - comunicati stampa - anno 2005
"Sono stato convocato a Palazzo Chigi come presidente di una Regione a statuto speciale, che hanno uno status particolare in materia di entrate, che partecipano a gettito delle imposte sul reddito oltre alle altre imposte sul territorio". Il presidente della Regione, Renato Soru, al termine dell'incontro fra Governo e rappresentanti delle Regioni a statuto speciale sulla Finanziaria, ha detto ai giornalisti: "Siamo stati ricevuti separatamente dal Consiglio dei Ministri. Siamo stati sentiti senza voler essere ascoltati. Non sono per niente soddisfatto. Mi pare che ci sia una situazione allo sbando. Prima finisce e meglio è".

Il Presidente della Regione ha preso la parola davanti al Governo, e rivolto al ministro Tremonti ha ricordato che la Sardegna aspetta che venga riconosciuto di fatto il gettito fiscale che anche la Ragioneria dello Stato ha verificato come realmente negato nel corso degli anni.
Nel corso della prima riunione del tavolo tecnico la Ragioneria aveva esaminato le tabelle sull'andamento del gettito dell'Irpef di pertinenza della Regione Sardegna per il periodo 1991-2003. Aveva "preso atto dello scostamento tra le risultanze statali e quelle regionali" e "convenuto sulla necessità di addivenire ad una base di dati condivisa".
E’ un pezzo della rivendicazione che ilPresidente Soru ha ricordato al Governo. "Si tratta di una rivendicazione di tutta la Sardegna. Ci sono atti del consiglio regionale, non solo della maggioranza, che ci chiedono di andare avanti in questa iniziativa, sino ad avere le risposte". Il Presidente della Regione ha anche detto che la questione è fra le priorità della battaglia sindacale e di tutte le categorie sociali, riconfermata negli incontri degli ultimi giorni a Cagliari e che prenderà vigore nelle prossime settimane".

Renato Soru aveva incontrato in mattinata a Roma il ministro per le Attività produttive, Scaiola, e quello delle Infrastrutture, Lunardi. Con quest'ultimo è prevista in una giornata fra il 5 e il 7 ottobre la firma dell’atto aggiuntivo all'Intesa istituzionale sulle opere strategiche di livello nazionale.

Questa sera alle 21 il presidente della Regione parteciperà a una diretta televisiva su Sardegna 1.