Vai al contenuto della pagina

Scuola: 57 milioni per potenziare strutture per attività extrascolastiche
“Il finanziamento – ha sottolineato l'assessore Baire, appellandosi ai sindaci e ai rappresentanti delle province per assicurare la massima celerità nell’avvio dei progetti – sarà finalizzato alla realizzazione di interventi sulle strutture scolastiche, per accrescerne sia le dotazioni tecniche che gli spazi per attività extrascolastiche”.

CAGLIARI, 29 APRILE 2010 - "La scuola rappresenta un presidio importante nel territorio e le risorse stanziate dalla Regione Sardegna serviranno proprio per intervenire in numerose realtà locali, con l’obiettivo di innalzare il livello qualitativo dell’istruzione nell’isola". L’ha detto l’assessore della Pubblica Istruzione, Maria Lucia Baire, illustrando stamane il bando che destina 57 milioni di euro agli enti locali per il potenziamento di laboratori, locali per attività culturali e ricreative, palestre e impianti sportivi di base nelle scuole.

"Il finanziamento - ha sottolineato l’esponente della Giunta Cappellacci, appellandosi ai sindaci e ai rappresentanti delle province per assicurare la massima celerità nell’avvio dei progetti – sarà finalizzato alla realizzazione di interventi sulle strutture scolastiche, per accrescerne sia le dotazioni tecniche che gli spazi per attività extrascolastiche".

I Fondi, provenienti dal Por Sardegna Fesr 2007/2013, serviranno a concedere contributi alle scuole per migliorare le strutture scolastiche e aumentare l’attrattività del sistema educativo e formativo. Le amministrazioni comunali e provinciali, chiamate a predisporre e presentare i progetti entro il 17 maggio prossimo, dovranno impegnarsi a cofinanziarne almeno il 10% e potranno inoltrare richieste di finanziamento fino a un massimo di 3 interventi.

Le proposte progettuali, in particolare, saranno diretti alla riqualificazione e all’adeguamento alle nuove esigenze didattiche di locali e spazi attrezzati esistenti: aule speciali/laboratori di orientamento scientifico, tecnologico, linguistico, espressivo e musicale; locali per attività culturali o ricreative in genere; altri locali da destinare ai servizi di accoglienza; palestre e impianti sportivi di base o polivalenti, con l’esclusione di nuove costruzioni.

Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2016 Regione Autonoma della Sardegna