Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Presentato Workshop Sardegna, ad Alghero dal 25 ottobre

Il workshop è stato presentato oggi in conferenza stampa, nel Palazzo civico (sede storica dell’ex municipio) di Alghero, dall’assessore regionale del Turismo, Artigianato e Commercio Luigi Crisponi, dagli amministratori della città catalana, il sindaco Marco Tedde e l’assessore del Turismo Mario Conoci.
Alghero
ALGHERO, 10 OTTOBRE 2011 - Un’iniziativa fondamentale per un sollecito rilancio della Sardegna come meta preferita del turismo nazionale e internazionale. Il 25 e 26 ottobre prossimi ad Alghero (e grazie agli educational tour su tutto il territorio regionale sino a sabato 29) il 'Workshop internazionale del turismo' proporrà a oltre 100 buyers stranieri, 20 tour operator italiani al top del mercato nazionale e vari giornalisti delle più importanti testate specialistiche europee, l’offerta degli operatori turistici isolani.

Il workshop è stato presentato oggi in conferenza stampa, nel Palazzo civico (sede storica dell’ex municipio) di Alghero, dall’assessore regionale del Turismo, Artigianato e Commercio Luigi Crisponi, dagli amministratori della città catalana, il sindaco Marco Tedde e l’assessore del Turismo Mario Conoci.

"La Giunta regionale - ha spiegato l’assessore Crisponi - prosegue attraverso questo appuntamento, che rappresenta l’incontro ideale tra domanda e offerta, nella sua azione tesa a restituire attenzione e visibilità all’Isola, che rimane, nonostante le difficoltà incontrate nell’anno in corso, la destinazione più desiderata e ricercata dai vacanzieri. La Sardegna mira, dunque, con decisione a riconquistare fette di mercato perdute".

"La forte sinergia con gli amministratori locali e con gli attori del sistema turistico, ribadita anche al TTG di Rimini con il piano di collaborazione con 16 tra i più importanti tour operator in Italia - ha aggiunto l’esponente della Giunta Cappellacci -, sarà decisiva per superare le criticità di una stagione estiva che ha pagato lo scotto della crisi economica globale, lo spropositato e indebito aumento delle tariffe marittime e la percezione di una ‘Sardegna troppo cara’, diffusasi tra gli addetti al settore e, di conseguenza, tra i turisti. Per rilanciare il settore è necessario partire da un nuovo piano trasporti e puntare sul marchio Sardegna, sulla qualità della filiera dei servizi e sulla massima flessibilità delle proposte di vacanza, per venire incontro alle esigenze di un mercato in continuo mutamento".

L’assessore Crisponi ha poi parlato di altri temi che saranno approfonditi in occasione dell’appuntamento in Riviera, ossia di innovazione, di utilizzo del web e del ripristino dell’Osservatorio economico, nonché dell’attenzione rivolta agli arrivi dall’estero: “Intendiamo rivolgerci a quei mercati che, nonostante la crisi generalizzata, consentono maggiore capacità di spesa, mi riferisco all’Europa centrale, quella settentrionale e alla Russia”.

L’inaugurazione del workshop è in programma il 25 ottobre, il giorno seguente sarà dedicato alle contrattazioni, ossia la parte operativa della manifestazione con la commercializzazione dei prodotti turistici. La sede di apertura e contrattazioni sarà il Centro Congressi ‘Quarté Sayàl’, in via Garibaldi ad Alghero, una location suggestiva, concentrato, nel contempo, di tradizione e innovazione.

Nei tre giorni successivi (dal 27 al 29) sono previsti cinque educational tour nell’Isola, uno dedicato esclusivamente ai giornalisti con un percorso specifico e molto suggestivo, gli altri quattro destinati agli operatori e alle compagnie aeree che potranno prendere contatto con le varie realtà territoriali, le eccellenze locali, le strutture ricettive e conoscere prodotti artigianali ed enogastronomici di tutto il territorio regionale.

L’assessore del Turismo ha incentrato l’attenzione, infine, sulla scelta della sede del workshop ricaduta sul centro catalano: “Si tratta di una città pioniera nell’accoglienza dei turisti stranieri in Sardegna ed è una delle tradizionali porte d’accesso del turismo sardo. In autunno, inoltre, si può scoprire un’Alghero diversa dalla sua versione estiva ma altrettanto affascinante”.