Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Incendi: condizioni estreme, evitata la tragedia

L'Assessore dell'Ambiente Spano: "A stretto contatto con la macchina dei soccorsi". L'Assessore dell'Agricoltura Falchi: "Il presidio delle campagne è la prima salvaguardia del territorio".
Incendi
CAGLIARI, 4 LUGLIO 2014 - Gli incendi che in queste ultime 24 ore hanno colpito il Sulcis, l'Oristanese e in particolare il Medio Campidano hanno distrutto migliaia di ettari di boschi e pascoli, attraversando aziende agricole, bruciando animali e colture. Uno dei teatri più difficili ha interessato i territori fra i comuni di Guspini, Arbus e Gonnosfanadiga. Ieri pomeriggio è stato subito organizzato il Posto di comando avanzato (la struttura incaricata di seguire l'emergenza), dove si sono coordinati gli interventi fra Corpo forestale, Vigili del fuoco, Protezione civile, sindaci, barracelli e volontari. Alle centinaia di persone impegnate a terra per domare le fiamme hanno dato ausilio, a rotazione, 4 canadair e altrettanti elicotteri. "Poco dopo le 21 di ieri ci siamo trovati di fronte a condizioni ambientali estreme e l'incendio è degenerato – ha spiegato il Direttore provinciale del Corpo forestale di Cagliari, Giuseppe Delogu, presente nelle aree interessate - L'umidità era scesa al 23%, la temperatura si era attestata intorno ai 30 gradi e il vento soffiava a 18 metri al secondo. A quel punto i roghi hanno ripreso vigore con fiamme alte fino a 20 metri". La situazione è rientrata sotto controllo solo nella tarda mattinata di oggi. Domati i roghi, sono partite le operazioni di bonifica con gli spegnimenti sito per sito e da domani si inizieranno a fare i bilanci dei danni materiali. "Sono stata sempre in contatto con il Corpo forestale e la Protezione civile e posso dire che, ieri sera, ci siamo trovati di fronte a condizioni ambientali estreme, che hanno reso la pericolosità molto alta – ha spiegato l'Assessore regionale dell'Ambiente, Donatella Spano – Ciononostante la macchina organizzativa ha funzionato bene, evitando che l'emergenza si trasformasse in tragedia. Per questo ringrazio gli uomini del Corpo forestale, i Vigili del fuoco, il personale dell'Ente foreste e i tanti volontari per il grande lavoro fatto". Di prevenzione e di presidio del territorio da parte di agricoltori e pastori ha invece parlato l'Assessore dell'Agricoltura, Elisabetta Falchi. "Se le campagne sono coltivate e curate – ha dichiarato l'Assessore - gli incendi vengono spenti con maggior facilità e le condizioni estreme gestite con risultati migliori. La Sardegna si salvaguarda valorizzando e investendo sulla presenza umana che ancora anima le nostre campagne. I custodi dell'ambiente stanno anche nelle aziende agricole, che presidiano quotidianamente il territorio. Ci tengo a ringraziare i numerosi allevatori e agricoltori che hanno contribuito con il proprio impegno e i propri mezzi a contrastare le fiamme".