Vai al contenuto della pagina

Patrimonio immobiliare, approvato il progetto di razionalizzazione, valorizzazione e dismissione dei beni regionali
La Giunta, in attuazione della Strategia per la razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare regionale, su indicazione dell'assessore Erriu, ha dato il via libera al progetto pluriennale "Il patrimonio è risorsa - IN PARIS" e agli indirizzi per la predisposizione del Ddl in tema di gestione, valorizzazione e dismissione, in modo da riuscire a soddisfare l'esigenza di una regia unica nella gestione di tutto il patrimonio immobiliare.

CAGLIARI, 27 MAGGIO 2015 - La Giunta, in attuazione della Strategia per la razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare della Regione, inserita nel Programma regionale di sviluppo 2014-2019 approvato dal Consiglio regionale, su indicazione dell’assessore degli Enti locali, Finanze e Urbanistica, Cristiano Erriu, ha dato il via libera al progetto pluriennale "Il patrimonio è risorsa - IN PARIS" e agli indirizzi per la predisposizione del disegno di legge in tema di gestione, valorizzazione e dismissione, in modo da riuscire a soddisfare l'esigenza di una regia unica nella gestione di tutto il patrimonio immobiliare, compresi i numerosi beni ferroviari (ex Fds e Fms) e quelli provenienti dalle agenzie Agris e Laore.
"Il progetto ‘IN PARIS’ – spiega l'assessore Erriu – ha l’obiettivo di migliorare la gestione in funzione della piena redditività degli immobili e dei maggiori benefici in termini economici, culturali e sociali, in modo tale da farli diventare una risorsa di sviluppo che possa attivare processi innovativi di valorizzazione imprenditoriale e culturale. Secondo gli intendimenti della Giunta, il patrimonio deve creare valore aggiunto e diventare un canale alternativo da utilizzare per il finanziamento delle politiche regionali, che si affianchi a quelli consueti del bilancio o dei finanziamenti comunitari".

La Giunta ha demandato all’Assessorato degli Enti locali la predisposizione di un disegno di legge in tema di gestione, valorizzazione e dismissione del patrimonio immobiliare regionale. Tra le esigenze individuate c’è quella dell’introduzione nel vigente quadro normativo regionale di elementi di semplificazione e modernizzazione delle procedure di gestione, valorizzazione e dismissione del patrimonio, tra cui: la possibilità di costituire fondi immobiliari chiusi ad apporto pubblico, con destinazione vincolata dei proventi a favore dei settori culturale e creativo, sviluppo delle aree interne e tutela dell’ambiente; la promozione dello strumento della concessione di valorizzazione dei beni immobili di particolare rilevanza culturale e/o economica, anche per arrestarne il grave fenomeno di degrado ed abbandono; l’individuazione di disposizioni che favoriscano l’imprenditoria e riducano il tasso di disoccupazione, attraverso la concessione di fondi agricoli e/o di immobili di rilevanza agricola e turistica; la gestione alternativa del patrimonio pubblico a sostegno della creazione di cooperative di comunità a favore dei servizi di prossimità, soprattutto nei comuni dell’interno, interessati dall’isolamento territoriale e dal fenomeno dello spopolamento; il trasferimento della proprietà e la gestione degli immobili utilizzati a fini abitativi all’organismo regionale istituzionalmente dedicato. Sono previste forme di collaborazione e coinvolgimento delle Associazioni di volontariato regionale.

Per quanto riguarda gli immobili di provenienza da Laore e Agris, appartenenti alla stagione della riforma agraria operata dalla Regione nel secolo scorso, la riforma dovrà fare riferimento a metodologie di riuso e recupero finalizzate a conservare i valori fondativi di paesaggio agrario e considerare prioritaria una valorizzazione degli immobili che si orienti in via generale verso ipotesi di trasformazione in strutture agricolo-ricettive, favorendo l’affidamento all’imprenditoria locale e giovanile in coerenza con gli obiettivi del Piano regionale di sviluppo e i progetti di carattere strategico riferibili a grandi aziende di trasformazione.
Il patrimonio regionale attualmente è composto da 2.457 cespiti: 688 fabbricati e 1.769 terreni. Per il 2015 si prevede un incremento del patrimonio pari al 270%: la Regione arriverà, così, a gestire circa 14mila unità immobiliari accatastate.


Il Patrimonio immobiliare regionale [file.pdf]

Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2016 Regione Autonoma della Sardegna