Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Scuola: Firino a Guspini, "Satu po imparai, esempio per tutta l'Isola che la Regione vuole sostenere e diffondere

L'iniziativa nasce dalla collaborazione tra la Provincia del Medio Campidano, l'agenzia Laore e il coinvolgimento delle scuole dell'obbligo e delle fattorie didattiche accreditate all'albo regionale.
Assessore Firino a Guspini
GUSPINI, 20 NOVEMBRE 2015 - Satu po imparai, progetto di educazione alimentare, ambientale, sulla cultura rurale e la ristorazione scolastica di qualità a km zero, che ha vinto il primo premio al concorso regionale "Energie in circolo", è stato presentato oggi a Guspini. L'iniziativa nasce dalla collaborazione tra la Provincia del Medio Campidano, l'agenzia Laore e il coinvolgimento delle scuole dell'obbligo e delle fattorie didattiche accreditate all'albo regionale. Presente questa mattina, alle Case a Corte di Guspini, l'assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino. "Dal Medio Campidano arriva un progetto che ha la grandissima finalità - ha detto l'esponente della giunta - di avvicinare il mondo rurale a quello della scuola, trasmettendo alle nuove generazioni saperi e sapori legati alle produzioni agroalimentari tipiche del territorio, formando consumatori consapevoli e capaci di scelte salutari".

Nei Comuni del territorio sono state organizzate mense scolastiche con menù, per bambini, pensati sulle ricette di un tempo e piatti creati con prodotti locali, come patate, lenticchie, ricotte e marmellate. Il progetto si avvale anche della collaborazione del Servizio Igiene degli alimenti e nutrizione della Asl 6. Le azioni portate avanti con Satu po imparai sono tre: percorsi didattici, tavolo mense scolastiche e rete fattorie didattiche.

L'assessore Firino ha indicato questo modello come esempio per tutta l'isola. "È importante - ha detto - che un progetto come questo, nato dalle sole forze di una comunità, sia sostenuto dalla Regione. Per questo accogliamo l'invito a creare una collaborazione interassessoriale e a coordinare il tavolo dedicato. Terremo inoltre in considerazione questa idea di grande portata sociale, nell'ambito della programmazione dei Fondi Comunitari e della Finanziaria 2016".