Vai al contenuto della pagina

Credito agricolo, dalla Giunta 2,5 milioni per prestito d’esercizio a tasso agevolato
La Giunta regionale ha approvato una delibera che stanzia 2,5 milioni di euro per la costituzione di un fondo finalizzato ad interventi funzionali nel favorire l'accesso al credito delle PMI agricole per operazioni di credito di durata fino a 12 mesi.
Agricoltura

CAGLIARI, 25 NOVEMBRE 2016 - Si aggiunge un altro tassello all'intervento che la Regione, tramite l’Assessorato dell’Agricoltura, sta mettendo in atto per favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese operanti nella produzione agricola e nella trasformazione e commercializzazione dei prodotti. Infatti oggi, la Giunta regionale, su proposta dell’assessora Elisabetta Falchi, ha approvato una delibera che stanzia 2,5 milioni di euro per la costituzione di un fondo finalizzato ad interventi funzionali nel favorire l’accesso al credito delle PMI agricole per operazioni di credito di durata fino a 12 mesi.

Sostegno alle spese di conduzione. "Concludiamo la riprogrammazione delle somme inutilizzate giacenti presso ISMEA”, dice Falchi. “Pochi mesi fa, abbiamo potuto dare vita al primo intervento da 7 milioni destinato al potenziamento del sistema delle garanzie per le quali si sta ormai già procedendo all’accredito delle risorse per i Consorzi che hanno fornito tutta la documentazione che ha consentito di chiudere l’iter istruttorio. Con la delibera di oggi, destiniamo la parte restante di quelle risorse al finanziamento dei cosiddetti prestiti agrari d’esercizio o conduzione, cioè il sostegno alle spese che l’imprenditore agricolo sostiene o anticipa nella conduzione dell’azienda.”

Aiuti in conto interessi. Gli aiuti, in regime de minimis, verranno gestiti dall’agenzia ARGEA e concessi in conto interessi, per operazioni di credito di durata fino a 12 mesi. “Potranno pertanto essere finanziati, tra le altre cose, l’acquisto di sementi e concimi, mangimi, carburanti, il pagamento di prestazione e salari, gli affitti e le rate assicurative, – spiega Falchi – con l’obiettivo di contrastare le debolezze strutturali del nostro tessuto produttivo e del mercato. Le aziende sarde continuano a essere troppo piccole e a lavorare su superfici ridotte, condizioni che rendono impossibile l’avvio di economie di scala e rendono complicato affrontare i costi di produzione e il forte potere contrattuale delle imprese di trasformazione, soprattutto in ambiti come il lattiero-caseario.”

I parametri del prestito. L’importo del prestito sarà parametrato sulla base dell’orientamento tecnico-economico dell’azienda, attestato dal fascicolo aziendale, mediante un calcolo che tiene conto delle produzioni standard per superficie o per numeri di capi allevati.

Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2017 Regione Autonoma della Sardegna