Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Attentato Seui, Pigliaru: è ora di dire basta. Proponiamo seduta speciale Conferenza Regione-Enti locali

"La Regione è decisa a sostenere quanti lavorano ogni giorno, con dedizione e impegno, nell'interesse delle loro comunità e andiamo avanti con determinazione in tutte le azioni di prevenzione e dissuasione che sono in nostro potere, a partire dalla videosorveglianza", dichiara Francesco Pigliaru.
Palazzo della Regione
CAGLIARI, 19 MARZO 2017 - "È ora di dire basta a questa inaccettabile sequenza di atti vili e indegni contro chi amministra la cosa pubblica nei territori". Lo afferma il presidente della Regione Francesco Pigliaru a proposito del grave attentato subito dall’assessore comunale di Seui Raimondo Gaviano, al quale esprime la solidarietà della Giunta regionale e la netta condanna del gesto criminale.

"La Regione è decisa a sostenere quanti lavorano ogni giorno, con dedizione e impegno, nell'interesse delle loro comunità e andiamo avanti con determinazione in tutte le azioni di prevenzione e dissuasione che sono in nostro potere, a partire dalla videosorveglianza", dichiara Francesco Pigliaru. "Le risorse per la realizzazione delle reti sono state trasferite a molti Comuni, che già lavorano alla progettazione e stimano di poter completare le opere entro il 2017. Ma sappiamo che questo, per quanto utile, non può bastare", sottolinea il Presidente. “Perciò chiediamo con forza la collaborazione di tutti: è più che mai necessario stringersi intorno agli amministratori, isolare i violenti, fornire tutte le informazioni utili agli inquirenti e attendersi pene severe e condanne dei tribunali e delle comunità. Proporrò una seduta speciale della Conferenza permanente Regione-Enti locali alla quale siano invitati prefetti e forze dell’ordine”, conclude Francesco Pigliaru. “I sardi sono altro da questa pratica odiosa e vigliacca, ormai diventata tristemente ricorrente".