Vai al contenuto della pagina

Spopolamento zone interne, Paci alla Cgil: il lavoro unica soluzione, i Comuni devono allearsi fra loro per progettare lo sviluppo con la Regione
"I servizi da soli non bastano a tenere la gente nei paesi, serve il lavoro e servono quelle infrastrutture territoriali come la banda ultralarga che permettono di essere sempre connessi pur vivendo in un paese". Così ha detto l'assessore Paci.
Ghilarza

GHILARZA, 18 MAFGGIO 2017 - "Sullo spopolamento delle zone interne non ci sono soluzioni facili, ma siamo qui oggi per cercarle insieme. Con una certezza: lo spopolamento, che è un fenomeno mondiale, si può fermare solo e soltanto se ci sono opportunità di lavoro diffuse nel territorio. E quindi ognuno deve fare la sua parte: la Regione, i Comuni e le imprese con progetti di ampio respiro e sviluppo che favoriscano un sistema produttivo sano che si autosostiene. I servizi da soli non bastano a tenere la gente nei paesi, serve il lavoro e servono quelle infrastrutture territoriali come la banda ultralarga che permettono di essere sempre connessi pur vivendo in un paese". L'ha detto l'assessore della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci intervenendo nella Torre Aragonese di Ghilarza al convegno della Cgil su spopolamento delle zone interne e processi migratori, con il segretario regionale Michele Carrus e il segretario nazionale Spi Cgil Ivan Pedretti.

"Esiste una dinamica naturale dei Comuni. E questa è una certezza, un dato di fatto che va però certamente governato", ha sottolineato Paci. "Oggi servono modelli di sviluppo diversi rispetto al passato e noi stiamo facendo la nostra parte, prima di tutto con la programmazione territoriale che portando avanti chiedendo ai territori di allearsi. Questa è la vera chiave: l'aggregazione. Servono processi di aggregazione dei Comuni, delle Unioni di Comuni o delle Comunità Montane, dobbiamo unire i servizi perché non è pensabile averli tutti presenti in ogni centro. I servizi possono essere distribuiti sul territorio e ai cittadini va data la possibilità di spostarsi". Mobilità, dunque. Anche questa va pensata con un approccio completamente diverso rispetto al passato, più dinamico e tecnologico, con mezzi e sistemi di spostamento flessibili che siano adeguati alle nuove esigenze, che servano per portare i bambini in scuole vere (e non in pluriclasse dannose per loro e il loro futuro), ad avvicinare l'anziano dal medico o alle Poste, o gli adolescenti al cinema nel centro vicino. "Non è un delitto che paesi vicinissimi e persino confinanti si pensino come quartieri di una città che al quel punto può offrire tutti i servizi che servono: unire le forze non significa rinunciare alla propria identità, al proprio stemma o al proprio nome, anzi è l'unica strada per garantirne la sopravvivenza".

Il vicepresidente della Regione ha poi ricordato le politiche messe in atto in questi tre anni dalla Giunta in questa direzione: oltre alla programmazione territoriale con 5 accordi già chiusi e finanziati, le politiche attive per il lavoro con la Flexicurity, i bandi per le imprese e le politiche di sostegno alle start up, e poi Iscola con 265 milioni investiti e 1174 cantieri già aperti e i 144 milioni per la banda ultralarga. "Stiamo facendo molto, e tanto altro possiamo e vogliamo fare. Turismo, ambiente, artigianato, beni culturali, agroalimentare sono le ricchezze su cui puntare in particolare nelle aree interne a rischio di spopolamento e in cui investire, con una politica fatta di innovazione, alleanze, sinergie, in cui ogni territorio riesca a pensare in grande a garanzia anche del Comune più piccolo", ha concluso Paci.

Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2017 Regione Autonoma della Sardegna