Vai al contenuto della pagina

Riconoscimento Unesco per Tepilora, Rio Posada e Montalbo. Spano: Riserva Biosfera premia un progetto condiviso per tutela ambientale e sviluppo sostenibile
"Abbiamo avuto ragione a puntare con decisione sulla realizzazione del Parco Naturale Regionale quale strumento capace di tutelare e valorizzare armonicamente ambiente e sviluppo - spiega Donatella Spano - ed è stata premiata anche la governance innovativa, il fatto che il progetto sia partito dal basso e si sia rivelato, e continui ad essere, un ottimo esempio di collaborazione e coesione fra amministratori, comunità e territori.
 Spano Parigi Unesco Tepilora

PARIGI, 14 GIUGNO 2017 - "Oggi l'Unesco certifica al mondo che il nostro paesaggio, unico dal punto di vista ambientale e della biodiversità e ricco di storia e cultura, è una risorsa non solo da tutelare e valorizzare ma che è volano per promuove il benessere delle comunità. Assieme agli amministratori locali e a tutti i soggetti che hanno partecipato e ci hanno creduto, siamo molto orgogliosi di avere portato in Sardegna il riconoscimento ‘Riserva della Biosfera’, grazie al progetto di candidatura coordinato dal Parco di Tepilora in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente. Essere Riserva della biosfera è infatti un valore aggiunto, un ulteriore stimolo verso lo sviluppo sostenibile, il miglioramento della qualità della vita, il rilancio dei prodotti locali, l'educazione ambientale". Così l'assessora regionale della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, questa mattina nella prestigiosa sede dell’Unesco, a Parigi, per ricevere la qualifica assegnata, all’interno del programma MaB (Man and Biosphere), alla zona del Parco naturale regionale di Tepilora, formalmente e unanimemente istituito nell’ottobre 2014 con la legge N° 21, a seguito di un lungo processo di condivisione, e i territori del Rio Posada e del Montalbo.

Soddisfazione, a nome del Governo italiano, è stata espressa dall’ambasciatore d’Italia presso l’Unesco, Vincenza Lomonaco. “E’ un’ulteriore prova dell’impegno e della vitalità del nostro paese a tutela dell’ambiente e per lo sviluppo sostenibile” ha dichiarato Lomonaco annunciando, inoltre, che a settembre l’Italia ospiterà il primo Youth form del MaB nella riserva del Delta del Po a cui parteciperanno tutte le riserve della biosfera mondiali, comprese le 15 riserve italiane.

Con Spano, il presidente del Parco di Tepilora Graziano Spanu, i sindaci dei comuni interessati, i responsabili di Forestas e il rappresentante della Direzione generale “Protezione della natura e del mare” del Ministero dell’Ambiente, Diego Martino.

"Abbiamo avuto ragione a puntare con decisione sulla realizzazione del Parco Naturale Regionale quale strumento capace di tutelare e valorizzare armonicamente ambiente e sviluppo - spiega Donatella Spano - ed è stata premiata anche la governance innovativa, il fatto che il progetto sia partito dal basso e si sia rivelato, e continui ad essere, un ottimo esempio di collaborazione e coesione fra amministratori, comunità e territori. L’Unesco ha apprezzato particolarmente anche il rapporto tra la popolazione e luoghi, e ci incoraggia a valorizzare le attività tradizionali e un modello di turismo ecosostenibile, in particolare nei mesi di spalla e nelle aree interne, che contribuisca a rafforzare l’identità locale e a coinvolgere i giovani sui temi della sostenibilità".

Particolare compiacimento è espresso dal presidente del parco di Tepilora, Graziano Spanu. "Siamo riusciti ad arrivare fin qui grazie al supporto della Regione e dell'assessorato dell'Ambiente, che ci auguriamo prosegua così proficuo, e alla coesione fra i sindaci. Abbiamo bruciato i tempi e ne siamo felicissimi. Il nostro è un modello di sviluppo che sta dando frutti importanti e si sta proponendo come buona pratica in tutta la Sardegna".

Nelle motivazioni della scelta della zona, che interessa 50mila abitanti in 17 comuni con un range tra i 251 e 11mila residenti, anche la differenziazione dei paesaggi, con aree montane e il massiccio del Montalbo, pianure, aree fluviali e costiere e la ricchezza di storia e cultura, tra cui il Canto a tenore, già patrimonio immateriale riconosciuto dall’Unesco e la vivacità della limba.

Il Programma "Uomo e Biosfera" - Man and the Biosphere Programme (MAB) -, istituito nel 1971, nel corso della 16° Conferenza Generale Unesco si pone come fine la salvaguardia e la valorizzazione degli ecosistemi e individua territori caratterizzati da biodiversità peculiari, con particolare attenzione ai modelli di gestione promossi a livello locale e alle politiche di sviluppo sostenibile.

In Italia, la zona del Parco naturale regionale di Tepilora e i territori del Rio Posada e del Montalbo è la quindicesima riserva individuata. Nel 2016 il riconoscimento era andato alla Collina Po, il territorio piemontese individuato lungo il fiume Po, dalla collina che borda la città di Torino che interessa 85 Comuni, le Aree Protette del Po e della Collina Torinese.

Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2017 Regione Autonoma della Sardegna