Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Borse di studio e prestiti d'onore

Dalla Regione un aiuto ai giovani sardi che intendono intraprendere percorsi di alta formazione o avviare iniziative imprenditoriali originali. Le modalità dell'intervento, che costerà 50 milioni di euro in tre anni, sono contenute in una delibera che la Giunta ha approvato martedì 21 giugno.
Sviluppo imprenditoria
Un programma integrato di voucher per l'alta formazione, di borse per l'inserimento lavorativo e di prestiti d'onore per l’avvio di iniziative imprenditoriali innovative. Obiettivo, consentire ai giovani laureati in Sardegna, in possesso di un eccellente curriculum vitae, di realizzare percorsi di alta formazione e tirocini in organismi di riconosciuto prestigio internazionale, o di avviare un percorso imprenditoriale.

Il programma è finalizzato a sostenere la specializzazione professionale, nel triennio 2005-2008, di circa 3.000 giovani laureati in Sardegna, e il loro successivo inserimento nel mercato del lavoro. I voucher e le borse sono costituiti da contributi individuali a fondo perduto, erogati dall’amministrazione regionale a laureati residenti in Sardegna con un eccellente curriculum di studi ed esperienze professionali, per la copertura dei costi di viaggio, di vitto e alloggio, e dei costi di iscrizione e frequenza. L'importo massimo che potrà essere erogato non potrà superare i 16mila euro per i percorsi formativi di durata annuale, i 28mila euro per quelli di durata biennale e i 40mila euro per quelli di durata triennale. I voucher potranno essere usati per la frequenza di dottorati di ricerca, di corsi di specializzazione e di master universitari di secondo livello, sia in atenei italiani che in università di altri paesi dell'Unione europea in qualunque paese fuori dalla UE.

I programmi di inserimento lavorativo consisteranno, invece, in borse di ricerca per l'inserimento nelle università e nei centri di ricerca pubblici della regione, in borse per l'inserimento nelle imprese o nelle istituzioni locali e nelle agenzie pubbliche della regione, o, infine, in prestiti d’onore. Questi ultimi, finalizzati all’avvio di iniziative imprenditoriali innovative, saranno erogati fino all’importo massimo di 50mila euro, di cui il 50 per cento a fondo perduto e il 50 per cento a tasso agevolato

Per essere ammessi ai benefici, bisognerà essere residenti in Sardegna da almeno tre anni dalla data di presentazione della domanda, non aver compiuto 35 anni (40 se si è già occupati), ed essere in possesso di una laurea o di una laurea specialistica conseguita con votazione non inferiore a 105/110.

Consulta la Delibera