Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Pannelli solari negli edifici regionali, la Sardegna verso Kyoto

In 14 palazzi della Regione saranno installati i pannelli solari. La Giunta approva un programma in sintonia con gli obiettivi del Piano energetico regionale per il superamento della quota del 20 per cento di energie rinnovabili, prevista nel protocollo di Kyoto entro il 2020.
Pannelli fotovoltaici
CAGLIARI, 12 DICEMBRE 2007 - La Giunta regionale ha approvato un programma per la realizzazione di impianti solari fotovoltaici e termici integrati negli edifici dell'amministrazione regionale. Il finanziamento è di 3milioni e 300mila euro.

Il programma rientra nelle iniziative volute dalla Regione per superare al più presto gli obiettivi di Kyoto con il contributo delle fonti rinnovabili rispetto al consumo energetico totale (20% entro il 2020). Il Piano energetico regionale, prevede inoltre che entro il 2020 la Sardegna superi la soglia prevista nello stesso protocollo, con il 25 per cento di fonti rinnovabili, per il contenimento dei fenomeni di inquinamento ambientale nel territorio regionale.

Coerente con la politica di acquisti pubblici ecologici, il programma mira a rivedere le pratiche
d'acquisto e di consumo della Pubblica amministrazione a favore di beni e servizi che riducano l’uso delle risorse naturali, la produzione dei rifiuti, le emissioni inquinanti nell’intero arco di vita del prodotto. In tale contesto, il tema dell'uso di energia prodotta da fonti rinnovabili risulta prioritario nel Piano d’azione regionale
degli acquisti pubblici ecologici in corso di redazione.

Su tutto il territorio regionale sono stati individuati 14 edifici idonei alla realizzazione di un impianto fotovoltaico integrato: l'Ex Cisapi in via Caravaggio a Cagliari; l'edificio dell'assessorato degli Enti locali e l'edificio del Centro elaborazione dati in viale Trieste a Cagliari; gli autoparco del corpo forestale a Monserrato, Oristano, Nuoro e Sassari; le basi elicotteri del Corpo forestale di Iglesias, Villasalto, Lanusei, Oristano, Sorgono e Anela; la sede dell'ispettorato del Corpo forestale di Oristano.

L'assessorato degli Enti locali provvederà ad emanare il bando, da pubblicare sul Buras, con cui saranno resi noti i termini e le modalità per la progettazione, la richiesta delle autorizzazioni di legge, la fornitura, l'installazione, il collaudo e il monitoraggio degli impianti, oltre che per la predisposizione di tutta la documentazione richiesta per l'accesso agli incentivi nazionali del Conto energia.


Consulta la delibera e le schede tecniche degli edifici pubblici nei quali sono previsti gli interventi