Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Legge Regionale 27 aprile 1979, n. 21

Costituzione in comune autonomo di Villaperuccio, mediante distacco dal comune di Santadi.
Il Consiglio Regionale ha approvato
Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Art.1
La frazione di Villaperuccio è distaccata dal Comune di Santadi e costituita in Comune autonomo con la denominazione di Villaperuccio e con la circoscrizione territoriale risultante dalla pianta planimetrica e dalla relazione descrittiva annesse alla presente legge.

Art.2
Con decreto dell’Assessore regionale degli enti locali, finanze ed urbanistica, su conforme parere del Comitato regionale di controllo sugli atti degli enti locali, si provvederà al regolamento dei rapporti patrimoniali e finanziari fra il Comune di Santadi ed il costituito Comune di Villaperuccio.
La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.


ALLEGATO 1
RELAZIONE DESCRITTIVA DEI CONFINI
Situato interamente ad ovest del territorio comunale cui apparteneva, il costituito Comune di Villaperuccio comprende la piana omonima che si estende lungo il corso del fiume Rio Mannu ed è delimitata da una catena di colline che costituiscono i confini fra i Comuni di Narcao e Perdaxius, ed in parte dal Comune di Tratalias, mentre il rimanente confine con questo Comune prosegue nel letto del Rio Mannu attualmente sommerso dalle acque del lago artificiale di Monte Pranu, prosegue per il confine con il Comune di Giba dal Monte Bettiani lungo la strada comunale di Santa Lucia sino ad incrociare la strada statale n. 293 e lungo questa confina con il restante territorio del Comune di Santadi sino all’attuale confine del Comune di Nuxis all’altezza del Km. 57,700 della suddetta strada statale.


Data a Cagliari, li 27 aprile 1979

Soddu