Logo Regione Sardegna

Cherchi: "800 milioni dal Psr. Occorre programmare la spesa con intelligenza e prudenza"


"Il sistema dei finanziamenti dell'Agricoltura - spiega l'esponente della Giunta - segue meccanismi particolari e fortemente condizionati dall'Unione Europea che, d'altronde, mette a disposizione dei Paesi membri, attraverso il PSR, risorse considerevoli da utilizzare nel migliore dei modi. Sono ben 800 i milioni a disposizione dell’agricoltura sarda che dovremo riuscire a spendere entro il 2013, creando basi solide per il rilancio".

CAGLIARI, 10 MARZO 2012 - L'assessore regionale dell'agricoltura Oscar Cherchi risponde alle associazioni di categoria che lamentano i tagli di risorse al comparto agricolo operati dal Consiglio Regionale con la Finanziaria: “Le preoccupazioni espresse dalle associazioni nei confronti di una finanziaria regionale definita "povera e impegnativa" sono purtroppo oggettive. E’ la conseguenza inevitabile della condizione economica attuale. Dobbiamo fare di necessità virtù perché la Sardegna, al pari delle altre regioni italiane, sappia reagire con equilibrio nella programmazione della spesa.

"Il sistema dei finanziamenti dell'agricoltura - spiega l'esponente della Giunta - segue meccanismi particolari e fortemente condizionati dall'Unione Europea che, d'altronde, mette a disposizione dei Paesi membri, attraverso il PSR, risorse considerevoli da utilizzare nel migliore dei modi. Sono ben 800 i milioni a disposizione dell’agricoltura sarda che dovremo riuscire a spendere entro il 2013, creando basi solide per il rilancio".

Secondo l'assessore quindi, è necessario razionalizzare la spesa: "Se fino ad oggi era sufficiente agire con intelligenza nell'utilizzo delle risorse regionali e comunitarie, oggi questo non basta più. Ora bisogna aggiungere anche la prudenza per evitare di arrivare a livelli pregiudizievoli della ripresa, che tutti vogliamo arrivi al più presto. La Regione vigilerà con attenzione perché le risorse disponibili vengano utilizzate a questo scopo senza sprechi ormai non più tollerabili".

Ultimo aggiornamento: 12.03.12

© 2017 Regione Autonoma della Sardegna