Logo Regione Sardegna

Rete Natura 2000, Giunta stanzia 280 mila euro per rafforzare sistema. Spano: concludere in tempi rapidi percorso intrapreso


"Permangono pochi siti Natura 2000 non ancora dotati di piani di gestione o di misure di tutela che assicurano una corretta gestione delle aree ai fini del loro mantenimento in un soddisfacente stato di conservazione. È necessario pertanto concludere il percorso intrapreso, aggiornando e completando la pianificazione. Diamo impulso in questo modo alla sostenibilità e all’economia verde. È un grande investimento per difendere un grande patrimonio di biodiversità e per valorizzare a fini turistici queste importanti risorse", spiega l’assessora Spano.

Cagliari, 11 luglio 2018 - La Giunta, su proposta dell’assessora alla Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, ha destinato 280mila euro alla predisposizione di un nuovo avviso per manifestazioni di interesse, rivolto agli enti pubblici nel cui territorio ricadono, in tutto o in parte, Siti di importanza comunitaria (SIC), Zone speciali di conservazione (ZSC) e Zone di protezione speciale (ZPS) che non hanno piano di gestione o non lo hanno ancora aggiornato. L’obiettivo è quello di rafforzare nell’Isola il sistema della Rete Natura 2000, intesa come l’insieme delle aree protette istituite in base alla normativa comunitaria, nazionale e regionale.

"Permangono pochi siti Natura 2000 non ancora dotati di piani di gestione o di misure di tutela che assicurano una corretta gestione delle aree ai fini del loro mantenimento in un soddisfacente stato di conservazione. È necessario pertanto concludere il percorso intrapreso, aggiornando e completando la pianificazione. Diamo impulso in questo modo alla sostenibilità e all’economia verde. È un grande investimento per difendere un grande patrimonio di biodiversità e per valorizzare a fini turistici queste importanti risorse", spiega l’assessora Spano.

La titolare dell’Ambiente evidenzia le criticità legate alla designazione come ZSC dei siti in cui ricadono poligoni militari. “La Regione – spiega l’assessora – non può assumersi la gestione, né essere chiamata a rispondere del mancato rispetto delle misure di conservazione, per Siti Natura 2000 in cui è precluso l’accesso, anche al semplice scopo di svolgere i monitoraggi, trattandosi di aree con vincoli rigidi in cui si svolgono esercitazioni”.

La Rete Natura 2000 è composta da due tipi di aree: le Zone di Protezione Speciale (ZPS) previste dalla Direttiva Uccelli, e i Siti di Importanza Comunitaria proposti (pSIC, ovvero i siti elencati nella lista ufficiale come ‘zone speciali di conservazione’).

In Sardegna sono 93 i SIC e 37 le ZPS per una superficie totale di 427.183 ettari interessata dalla rete Natura 2000, pari al 17,7% del territorio regionale. All’interno di questa Rete, in Italia sono protetti complessivamente 131 habitat, 90 specie di flora e 112 specie di fauna (delle quali 22 mammiferi, 10 rettili, 16 anfibi, 26 pesci, 38 invertebrati) in base alla Direttiva Habitat. Sono inoltre tutelate circa 380 specie di avifauna come prevede la Direttiva Uccelli.

Natura 2000 è il sistema coordinato di aree destinate alla conservazione della diversità biologica presente nel territorio dell’Unione Europea.

Ultimo aggiornamento: 11.07.18

© 2018 Regione Autonoma della Sardegna