Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE IMPRESE INDUSTRIALI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI

Ultimo aggiornamento: 2015-08-19 10:19:16

Dove rivolgersi:
R.t.i. Banco di Sardegna Spa – Banca di Sassari S.p.A.


Email:

Direzione generale dell'industria
Assessorato dell'industria
Servizio per le politiche di sviluppo attività produttive, ricerca industriale e innovazione tecnologica
Via XXIX Novembre 1847, 23 - 09123 Cagliari
Tel:070/6062342 Fax:070/6062215
Email:

Per informazioni ed accesso agli atti
Ufficio Relazioni con il Pubblico dell'Industria
Via XXIX Novembre, 23 - 09123 Cagliari
Tel:070/6067037 Fax:070/6062494
Email:
Giorni e orario di ricevimento: dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 13, il pomeriggio martedì e mercoledì dalle 17 alle 18

Destinatari:
Piccole e medie imprese industriali, così come definite dalla normativa europea, aventi sede operativa nel territorio regionale.

Termini di conclusione del procedimento:
90 giorni dalla data di scadenza del trimestre di riferimento
Requisiti:
Essere piccole e medie imprese industriali, aventi sede operativa nel territorio regionale.
L'impresa deve essere associata ad un Consorzio di garanzia collettiva fidi.
Il consorzio deve:
- avere sede operativa nel territorio regionale;
- essere costituito tra piccole e medie imprese comprese quelle cooperative;
- risultare operante per almeno il 75% nei settori dell'industria, delle costruzioni e dei servizi connessi alle attività industriali, sulla base del numero dei soci appartenenti, ovvero del volume degli affidamenti garantiti o dell'ammontare delle garanzie prestate a favore degli stessi settori o essere intersettoriali e costituito tra imprese anche cooperative, comprese quelle di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. I consorzi dovranno essere costituiti fra imprese appartenenti prevalentemente ai settori dell’industria, delle costruzioni e dei servizi connessi alle attività industriali sulla base del numero dei soci appartenenti ai suddetti settori ovvero del volume degli affidamenti garantiti o dell’ammontare delle garanzie prestate a favore dei suddetti settori. Ai fini della determinazione del parametro dimensionale per le imprese cooperative si considerano tra gli occupati anche i soci d’opera.

Gli aiuti non possono essere concessi:
- alle imprese attive nel settore della pesca e dell'acquacoltura;
- alle imprese attive nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli;
- ad attività connesse all'esportazione e se condizionati all'impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti d'importazione;
- alle imprese attive nel settore carboniero;
- alle imprese in difficoltà;
- alle imprese che hanno ricevuto e successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti che sono individuati illegali o incompatibili dalla Commissione europea.
Documentazione:
Per accedere alle agevolazioni le imprese interessate, per il tramite del Consorzio fidi, dovranno trasmettere la domanda con le seguenti modalità:
- al soggetto gestore R.t.i. Banco di Sardegna Spa – Banca di Sassari S.p.A. successivamente alla delibera del Comitato tecnico o di altro organismo abilitato costituito presso il Consorzio fidi per la concessione degli affidamenti;
- alla casella di posta elettronica certificata all’indirizzo: bandoleggedue2001@bancosardegna.it.

Una copia della domanda firmata in originale e completa della documentazione, dovrà essere poi inviata entro 15 giorni dalla data di invio della domanda all’indirizzo di posta elettronica bandoleggedue2001@bancosardegna.it, tramite raccomandata con ricevuta al soggetto gestore R.t.i. Banco di Sardegna Spa – Banca di Sassari S.p.A. e in copia all’Assessorato dell’Industria.

Modulistica:
Allegato III- Dichiarazione aiuti de minimis ottenuti tra la data di presentazione della domanda e la data di concessione dei contributi [file .pdf]
Modulo per la richiesta delle agevolazioni (rettificato con determinazione del 14/06/2010) [file.pdf]
Modalità o descrizione:
Le agevolazioni consistono in un contributo in conto interessi su prestiti e/o operazioni di leasing finanziario e di factoring concessi dalle banche o intermediari finanziari pari al 64% del tasso di riferimento fissato periodicamente dalla Commissione europea e pubblicato nella Gazzetta ufficiale
dell'Unione Europea, maggiorato di 400 punti base.

La gestione dell'intervento è affidata a un soggetto convenzionato dalla Regione.

Le operazioni agevolabili, garantite da un consorzio di garanzia fidi, possono riguardare affidamenti di breve o medio e lungo termine.

L'intervento è attuato mediante procedura valutativa a sportello dal Servizio per le politiche di sviluppo attività produttive, ricerca industriale e innovazione tecnologica dell'Assessorato dell'industria e dal R.T.I. Banco di Sardegna Spa – Banca di Sassari S.p.A., in qualità di soggetto gestore dell'intervento.

Le imprese che hanno presentato la domanda provvedono, entro i due mesi successivi alla scadenza di ogni trimestre, a trasmettere al Consorzio fidi cui sono associate, i dati utili per il calcolo del contributo. I Consorzi fidi, entro il mese successivo alla ricezione dei dati da parte delle imprese, provvedono ad inviare al RTI Banco di Sardegna Spa – Banca di Sassari S.p.A. un flusso di dati relativi agli utilizzi di ogni singola impresa utili ai fini del calcolo del contributo e la situazione aggiornata relativamente ai nuovi aiuti in regime "de minimis" ricevuti dai soggetti richiedenti.

Qualora i dati non pervengano entro il terzo mese successivo alla scadenza del trimestre di riferimento, l'impresa decadrà dal diritto di ricevere il contributo per il trimestre cui si riferisce.

Il soggetto gestore, seguendo l'ordine cronologico di trasmissione delle domande, verifica la sussistenza dei requisiti attestati ad ogni singola impresa ed effettua il calcolo del contributo sulla base dei dati forniti dai Consorzi fidi entro 20 giorni lavorativi dal ricevimento degli stessi.

Successivamente, il soggetto gestore trasmette all'Assessorato dell'Industria le risultanze istruttorie con la proposta di concessione dei contributi in conto interessi, relativa al trimestre di competenza, redatta sotto forma di elenco delle imprese beneficiarie, suddivise per banca e/o intermediario, e contenente i dati necessari per l'emissione, da parte dell'Assessorato, del provvedimento. In caso di esito negativo, il soggetto gestore trasmette una scheda relativa alla singola impresa con l'indicazione dei motivi di esclusione dal contributo.

L'Assessorato dell'Industria emana, successivamente, il provvedimento di concessione o di diniego del contributo che viene trasmesso al soggetto gestore e al Consorzio fidi interessato.

Il soggetto gestore procede all'erogazione del contributo entro 15 giorni dal ricevimento del provvedimento di concessione.

Normativa di Riferimento:
- Legge regionale n. 2 del 10/01/2001 - Anticipazione delle risorse per l'attuazione degli interventi del POR Sardegna 2000 - 2006 a sostegno dell'associazionismo creditizio di mutua garanzia tra piccole e medie imprese.
Raccomandazione della Commissione 2003/361/CE del 06/05/2003 - relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese
- Regolamento CE della Commissione n. 1998/2006 del 15 dicembre 2006 - relativo all'applicazione degli articoli 87e 88 del Trattato Ce agli aiuti di importanza minore (''de minimis'')
- Delibera della Giunta Regionale n. 51/25 del 24/09/2008 pubblicate nel Supplemento straordinario n. 22 del 2 dicembre 2008 - Direttive di attuazione del Programma di incentivi a favore delle imprese. Direttive di attuazione per il finanziamento delle reti di servizi alle imprese nei distretti industriali e nell'ambito dei sistemi produttivi locali. Approvazione definitiva.
- Delibera della Giunta Regionale n. 27/18 del 9 giugno 2009 - L.R. 10.1.2001, n. 2 , Titolo II. Concorso di interessi su prestiti concessi alle PMI aderenti ai Consorzi di garanzia collettiva fidi. Modifica delle direttive di attuazione approvate il 24/09/2008
- Delibera della Giunta Regionale n. 30/9 del 30/06/2009 - L.R. 10.1.2001, n. 2 , titolo II. Concorso di interessi su prestiti concessi alle PMI aderenti ai Consorzi di garanzia collettiva fidi. Modifica delle direttive di attuazione approvate con la Delib.G.R. n. 51/25 del 24.9.2008. Approvazione definitiva
- Delibera della Giunta Regionale n. 50/27 del 10/11/2009 - L.R. n. 2/2001, Titolo II - Concorso di interessi su prestiti concessi alle PMI aderenti ai Consorzi di garanzia collettiva fidi - Modif. Direttive di attuazione approvate con le Delib.G.R. n. 51/25 del 24.9.08, n. 27/18 del 9.6.09 e n. 30/9 del 30.06.09
- Delibera della Giunta Regionale n. 56/79 del 29/12/2009 - L.R. 10 gennaio 2001, n. 2, titolo II. Concorso di interessi su prestiti concessi alle PMI aderenti ai Consorzi di garanzia collettiva fidi. Modifica delle Direttive di attuazione approvate con le Delib. G.R. n. 51/25 del 24.9.2008, n. 27/18 del 9.6.2009

Consulta la pagina dell'avviso per la presentazione delle domande e gli atti collegati
Note:
* Secondo la definizione comunitaria, la categoria delle microimprese, delle piccole imprese e delle medie imprese (complessivamente definita PMI) è costituita da imprese che hanno meno di 250 occupati e hanno un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro.
Nell’ambito della categoria delle PMI, si definisce piccola impresa l’impresa che ha meno di 50 occupati e ha un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro.
Nell’ambito della categoria delle PMI, si definisce microimpresa l’impresa che ha meno di 10 occupati, e ha un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro.
(Normativa di riferimento: Raccomandazione CE del 6 maggio 2003; Decreto del Ministro delle attività produttive del 18 aprile 2005)
Informazione a cura dell'Urp della Presidenza