Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Contributi per il potenziamento economico delle cooperative e dei loro consorzi - Anno 2017

Ultimo aggiornamento: 2017-08-09 13:54:55

Dove rivolgersi:
Direzione generale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale
Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale
Servizio coesione sociale
Via San Simone 60 ( piano 6°) - 09122 Cagliari
Tel:Sergio Isola (070/6065729) Margherita Meloni 070/6065612 Valentina Cossu 070/6065585
Email:

Per informazioni ed accesso agli atti
Ufficio Relazioni con il Pubblico del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza sociale
Viale Trieste, 115 (piano terra) - 09123 Cagliari
Tel:070/6067038 Fax:070/6065778
Email:
Giorni e orario di ricevimento: dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 13, il pomeriggio martedì e mercoledì dalle 16 alle 17

Destinatari:
società cooperative a mutualità prevalente e loro consorzi
Termini di presentazione:
- l’orario di apertura per l’inoltro delle domande di finanziamento è stato fissato per le ore 10 del giorno 22 maggio 2017

- le domande di contributo, scannerizzate dovranno essere inviate entro le ore 24 del 30 giugno 2017 in allegato via posta elettronica certificata all'indirizzo: lavoro@pec.regione.sardegna.it. La pec dovrà avere la seguente dicitura:nomecooperativa domanda di partecipazione L.r 5/57 - annualità 2017

Il Servizio ricevute le pec approverà con determinazione l'elenco provvisorio degli ammessi che verrà pubblicato sul sito. Contestualmente sarà data comunicazione individuale a ciascuna cooperativa .

Le cooperative, ricevuta la comunicazione di classificazione in posizione utile nell'elenco provvisorio, dovranno inviare entro 10 giorni l'attestazione e la documentazione finale della domanda di partecipazione (allegato 2), completa della documentazione (3 ed eventualmente l'allegato 4) (vedi modulistica) al seguente indirizzo:
Assessorato del Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale, Servizio coesione sociale, Via San Simone n. 60 , 09122 Cagliari.
Requisiti:
- avere sede legale e operativa in Sardegna (in caso di consorzi, tale requisito deve essere posseduto da tutte le società consorziate);
- essere iscritti all’albo delle società cooperative, nella sezione mutualità prevalente e nella categoria "cooperative di produzione e lavoro, sociali, di consumo" o "consorzi cooperativi";
- iscrizione nel registro delle imprese. Le cooperative iscritte da più di un anno dalla data di presentazione della domanda dovranno risultare attive;
- essere in regola con l’approvazione ed il deposito tempestivo del bilancio dell’esercizio 2015, secondo la normativa in materia societaria. Tale adempimento non è richiesto per le cooperative costituite a partire dal 1.01.2016
- essere in regola con il versamento del contributo dovuto al Fondo mutualistico;
- rientrare nell’ambito di applicazione del Regolamento (CE) n. 1407/2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti «de minimis»;.
- essere in regola con le disposizioni normative vigenti in materia di revisione cooperativa;
- avere approvato il programma di investimenti per cui si richiede il contributo con verbale del Consiglio d’Amministrazione o dell’Assemblea dei soci;
- non trovarsi in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà quindi: non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione (anche volo
ntaria), di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
- trovarsi in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente;
- avere legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste (c.d.
Disposizioni contro la mafia);
- essere in regola con il versamento del contributo biennale di revisione.
Documentazione:
- dichiarazione relative ai requisiti;
- assunzioni di impegni in caso di ammissione al contributo;
- programma di investimenti aziendale, organico, funzionale, economicamente e finanziariamente valido. Il programma dovrà, in particolare, indicare l’obiettivo da perseguire con il finanziamento richiesto;
- prospetto di rendicontazione con elenco analitico delle singole voci di spesa;
- documentazione da allegare.

Modulistica:
Scarica la modulistica (Allegati 1,2,3,4)[file.zip]
Costo:
una marca da bollo da 16 euro per la domanda (eccetto che per i soggetti esenti)
Modalità o descrizione:
La Regione eroga contributi, in conto capitale e in regime "de minimis", per il potenziamento economico delle cooperative della Sardegna e dei loro consorzi.

Per l’annualità 2017, i contributi saranno concessi per la realizzazione di programmi di investimento aziendale di importo non inferiore a 10 mila euro, finalizzati all’innovazione e al miglioramento competitivo.

Saranno ammesse le spese sostenute dal 1° gennaio 2016 al 20 maggio 2017. I beni acquistati dovranno essere nuovi di fabbrica e identificabili con un segno distintivo, inoltre dovranno essere mantenuti nel patrimonio della cooperativa o del consorzio per 5 anni dalla data di acquisto. Non saranno ammessi i beni non interamente pagati o quelli già finanziati - anche in parte - con altri contributi pubblici.

L'intervento regionale si attua attraverso una procedura valutativa a sportello.




Normativa di Riferimento:
- Codice Civile, Titolo VI, Capo I, artt. 2511-2545
- Legge regionale n. 5 del 27/02/1957 - Abrogazione della Legge Regionale 11 Novembre 1949, n. 4, e costituzione di un fondo per favorire in Sardegna lo sviluppo dell’attività cooperativistica.
- Legge n. 381 del 08/11/1991 - Disciplina delle cooperative sociali.
- Legge n. 59 del 31/01/1992, art. 8, comma 1 ed art. 11 - Nuove norma in materia di società cooperative
- Legge regionale n. 16 del 22/04/1997 - Norme per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale.
- Legge n. 142 del 03/04/2001 - Revisione della legislazione in materia cooperativistica, con particolare riferimento alla posizione del socio lavoratore.
- Decreto ministeriale del 23/06/2004, art. 4 - Istituzione dell'Albo delle società cooperative, in attuazione dell'art. 9 del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 6, e dell'art. 223-sexiesdecies delle norme di attuazione e transitorie del codice civile. [file .pdf]
- Legge regionale n. 3 del 07/08/2009, art, 2, comma 39 - Disposizioni urgenti nei settori economico e sociale
- Regolamento (CE) n. 1407/2013 del 18/12/2013 - Regolamento relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis» [file .pdf]
- Delibera della Giunta Regionale n. 32/17 del 07/08/2014 - Contributi per il potenziamento economico delle cooperative e dei loro consorzi. Criteri e modalità di programmazione. Annualità 2014, in sostituzione della Delib.G.R. n. 24/13 del 27.6.2013.
- Delibera della Giunta Regionale n. 40/21 del 06/07/2016 - egge regionale 27 febbraio 1957, n. 5. Legge regionale 7 agosto 2009, n. 3, art. 2 comma 39. Regolamento CE n. 1407/2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato agli aiuti di importanza minore “de minimis”. Contributi per il potenz
Consulta l'avviso 2017 e i documenti collegati - Contributi per il potenziamento economico delle cooperative e dei loro consorzi. Annualità 2017
Note:
secondo la definizione comunitaria, gli aiuti assegnati in regime de minimis sono gli aiuti di piccola entità che si presume non incidano sulla concorrenza in modo significativo e che possono, quindi, essere erogati dalle pubbliche autorità alle imprese di qualsiasi dimensione senza obbligo di notifica alla Commissione europea.
Informazione a cura dell'Urp della Presidenza