Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sussidi economici a favore di persone con disturbo mentale
Legge regionale n. 20 del 30/05/1997, art. 8

Dove rivolgersi:
Assessorato dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale
Servizio interventi integrati alla persona
Settore interventi a favore delle persone con disabilità
Via Roma, 253 - 09123 Cagliari
Tel:070/6065317 Fax:070/6065438
Per informazioni ed accesso agli atti
Ufficio Relazioni con il Pubblico delle Politiche sociali
Via Roma, 253 - 09123 Cagliari
Tel:070/6067066 Fax:070/6065438
Email:
Indirizzo emailsan.politichesociali.urp@regione.sardegna.it
Giorni e orario di ricevimento: il lunedì e il mercoledì al venerdì dalle 11 alle 13, il pomeriggio lunedì e mercoledì dalle 16 alle 17
Destinatari:
- persone affette da disturbo mentale;
- comuni della Sardegna
Requisiti:
per poter beneficiare del sussidio le persone affette da disturbo mentale devono:
- essere residenti in Sardegna;
- essere affette da una delle patologie psichiatriche elencate nell'allegato A all'art. 7 della legge regionale n. 15/1992, come integrato dall'art. 16 della legge regionale n. 20/1997 (vedi sezione normativa);
- essere assistiti dal Servizio della tutela della salute mentale e dei disabili psichici, dal Servizio della tutela materno-infantile, consultori familiari, neuropsichiatria infantile, tutela della salute degli anziani, riabilitazione dei disabili fisici istituiti nell'ambito del Dipartimento di diagnosi, cura e riabilitazione dell'azienda sanitaria locale competente per territorio oppure dalle cliniche universitarie di psichiatria e neuropsichiatria infantile.
Termini di conclusione del procedimento:
180 giorni
Documentazione:
Le persone interessate devono presentare la domanda di sussidio al Comune di residenza, utilizzando la modulistica predisposta dallo stesso Ente ed allegando la seguente documentazione:
- certificato di nascita;
- certificato di residenza e stato di famiglia;
- certificato reddituale;
- dichiarazione sostitutiva con la quale l'interessato attesta che non beneficia di altre forme di assistenza economica erogate da altri enti pubblici;
- certificato del medico specialistico, rilasciato dal competente servizio.
I certificati di nascita, residenza e reddituale potranno essere sostituiti da una dichiarazione, in carta semplice, firmata dall'interessato.

I comuni devono, invece, presentare all'Assessorato dell'Igiene e sanità e dell'assistenza sociale:
- il rendiconto delle spese sostenute ed il fabbisogno finanziario relativo alle spese da sostenere;
- la determinazione di approvazione del rendiconto firmato dal responsabile finanziario del Comune;
- la determinazione del responsabile del servizio che certifica la conformità dell’importo del sussidio alla normativa di riferimento.
Descrizione del procedimento:
Le persone con disturbo mentale possono usufruire di sussidi economici erogati dalla Regione tramite i comuni.
Il sussidio consiste in un assegno mensile che, in presenza dei requisiti richiesti, viene riconosciuto a partire dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

L’importo dell’assegno è determinato in base ai parametri stabili annualmente dall'Assessorato e al reddito mensile individuale, che include tutte le entrate, comunque conseguite, compresi eventuali erogazioni assistenziali, assegni per invalidità civile e trattamenti pensionistici, ad eccezione dell’indennità di accompagnamento. Per i minori, i beneficiari dell'amministrazione di sostegno, gli interdetti e gli inabilitati, il reddito imponibile è quello della famiglia di appartenenza, che non deve superare i parametri stabiliti annualmente sulla base dell’indice Istat e che comprende anche il reddito individuale mensile del beneficiario del sussidio.

L'interessato deve presentare la relativa domanda al Comune di residenza, il quale richiede all'azienda sanitaria locale (asl) competente per territorio o all'Università la verifica della sussistenza delle condizioni cliniche sulla base della certificazione sanitaria presentata dall'interessato.
L'asl o l'Università esprime un parere vincolante per la concessione del sussidio.
Annualmente il Comune, dopo aver verificato l'esistenza delle condizioni di bisogno economico, invia il fabbisogno finanziario all'Assessorato dell'Igiene e sanità e dell'assistenza sociale, il quale trasferisce all'Ente i fondi necessari.
Successivamente, il Comune eroga, a sua volta, i sussidi ai beneficiari.

Responsabile del procedimento:
Ilario Carta (070 606 5317; ilcarta@regione.sardegna.it)

Sostituto responsabile del procedimento:
Marika Batzella (070 606 7601; mbatzella@regione.sardegna.it)

Responsabile del provvedimento finale:
il direttore del servizio
Normativa di Riferimento:
- Legge regionale n. 15 del 27/08/1992 - Nuove norme inerenti provvidenze a favore degli infermi di mente e dei minorati psichici residenti in Sardegna.
- Legge regionale n. 8 del 08/03/1997, art. 41, comma 5 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione - Legge finanziaria 1997
- Legge regionale n. 20 del 30/05/1997 - Nuove norme inerenti provvidenze a favore di persone residenti in Sardegna affette da patologie psichiatriche. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 27 agosto 1992, n. 15
- Legge regionale n. 8 del 26/02/1999, artt. 4 e 11 - Disposizioni in materia di programmazione e finanziamenti per i servizi socio-assistenziali.Modifiche e integrazioni alla legge regionale 25 gennaio 1988, n. 4 ''Riordino delle funzioni socio-assistenziali
- Legge regionale n. 2 del 29/05/2007, art. 33, commi 3 e 10 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione - Legge finanziaria 2007
- Nota del Direttore del Servizio n. 3431 del 19/03/2012 - Sussidio economico L.R. n. 15/92 e L.R. n. 20/97 – Procedura.
- Delibera della Giunta Regionale n. 20/22 del 22/05/2013 - Legge regionale n. 20/1997, art. 7 e art.15. Adeguamento, per l’anno 2013, dei limiti di reddito per usufruire dei benefici economici e aggiornamento dell’ammontare della retta di ricovero in istituti assistenziali non ospedalieri.Approvazione preliminare
- Delibera della Giunta Regionale n. 21/24 del 05/06/2013 - Legge regionale n. 20/1997,art.7 e art.15. Adeguamento,per l'anno 2013,dei limiti di reddito per usufruire dei benefici economici e aggiornamento dell'ammontare della retta di ricovero. Approvazione definitiva.
- Determinazione del Direttore del Servizio n. 7865/136 del 05/06/2013 - Bilancio regionale 2013. Impegno di euro 30.229.243,68 in favore dei Comuni della Sardegna per la concessione e l’erogazione di sussidi in favore di particolari categorie di cittadini, L.R. 26 febbraio 1999, n. 8 – Art. 4 – commi 1, 2, 3, 7 lett. a–b-c
- Determinazione del Direttore del Servizio n. 8529/191 del 18/06/2013 - Liquidazione e pagamento a favore dei Comuni della Sardegna, per la concessione e l’erogazione di sussidi in favore di particolari categorie di cittadini, L.R. 26 febbraio 1999, n. 8 – Art. 4 – commi 1, 2, 3, 7 lett. a – b - c., primo acconto anno 2013
- Legge regionale n. 21 del 02/08/2013, art. 4 - Sostegno alle povertà e interventi vari.
- Legge regionale n. 7 del 21/01/2014 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione - Legge finanziaria 2014
- Determinazione del Direttore del Servizio n. 36/15 del 16/09/2014 - L.R. n. 7/2014, art. 2. Fondo per la non autosufficienza. Programmazione triennale degli interventi rivolti a persone non autosufficienti. Criteri e modalità. Approvazione preliminare ai sensi dell’art. 2, comma 4 della L.R. 15 marzo 2012, n. 6.
- Delibera della Giunta Regionale n. 38/32 del 30/09/2014 - L.R. n. 7/2014, art. 2. Fondo per la non autosufficienza. Programmazione triennale degli interventi rivolti a persone non autosufficienti. Criteri e modalità. Approvazione definitiva.
- Legge regionale n. 19 del 24/10/2014 - Assestamento alla manovra finanziaria per gli anni 2014-2016.
- Determinazione del Direttore del Servizio n. 18169/711 del 10/12/2014 - Bilancio Regionale 2014. Impegno pluriennale complessivo di € 104.000.000,00 per le annualità 2015 e 2016 in favore dei comuni della Sardegna per la concessione e l’erogazione di sussidi in favore di particolari categorie di cittadini
- Determinazione del Direttore del Servizio n. 1555/22 del 03/02/2015 - Bilancio regionale 2015 - Esercizio Provvisorio. Liquidazione e pagamento di euro 8.333.333,00 a favore dei Comuni della Sardegna, per la concessione e l'erogazione di sussidi in favore di particolari categorie di cittadini. Acconto di 2/12 per il 2015
- Determinazione del Direttore del Servizio n. 5997/196 del 17/05/2015 - Bilancio regionale 2015. Liquidazione e pagamento di euro 43.289.171,00 a favore dei Comuni della Sardegna, per la concessione e l’erogazione di sussidi in favore di particolari categorie di cittadini. Saldo anno 2015
- Nota del Direttore generale n. 7556 del 12/05/2015 - Trasferimenti delle risorse anno 2015 per la concessione e l’erogazione di sussidi in favore di particolari categorie di cittadini, L.R. n.8/1999, art. 4, commi 1, 2, 3, 7 lett.. a – b - c. , art. 10, comma 2, e L.R. n. 9/2004, art. 1, comma 1, lettera f
Procedimenti collegati:
Sussidi a favore di persone con disturbo mentale per il pagamento delle rette di ricovero in istituto (Legge regionale n. 20 del 30/05/1997, art .14)
Informazione a cura dell'Urp della Presidenza