Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Aiuti alle imprese sottoposte all'arresto temporaneo della pesca
Arresto temporaneo della pesca a strascico e/o volante nel 2013

Dove rivolgersi:
Agenzia regionale per la gestione e l'erogazione degli aiuti in agricoltura (Argea Sardegna)
Servizio istruttorie e attività ispettive
Unità organizzativa pesca e acquacoltura
Viale Adua, 1 - 07100 Sassari
Tel:079/2068483 Fax:079/2068550

Giorni e orario di ricevimento: tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 13
Destinatari:
Imprese di pesca, singole o associate, proprietarie e/o armatrici di navi da pesca abilitate ai sistemi di pesca a strascico e/o volante, ad esclusione delle unità abilitate alla pesca oceanica che operano negli stretti.
Requisiti:
- aver effettuato, senza soluzione di continuità, l'arresto temporaneo obbligatorio e facoltativo. Per le imbarcazioni di stazza inferiore a 15 GT, l'arresto facoltativo corrisponde alla prosecuzione dell'arresto temporaneo obbligatorio fino a tutto il 15 ottobre 2013. Per le imbarcazioni di stazza superiore a 15 GT l'arresto temporaneo facoltativo corrisponde all'anticipo dell'arresto temporaneo obbligatorio al 17 agosto 2013;
- possedere l'eventuale autorizzazione rilasciata dal proprietario dell'unità da pesca all'armatore;
- l'imbarcazione da pesca, con base operativa nell'Isola, deve essere iscritta nel Registro comunitario (Fleet Register) nonché in uno dei Compartimenti marittimi che ricadono in una delle Geografic Sub Area (GSA) della Sardegna;
- gli attrezzi da pesca riportati sulla licenza devono essere quelli relativi al Piano di gestione nazionale per il quale è previsto l'arresto temporaneo;
- l'unità deve essere regolarmente armata ed equipaggiata al momento dell'arresto temporaneo e per tutto il periodo di arresto temporaneo obbligatorio e facoltativo;
- l'unità deve aver effettuato almeno 75 giorni di pesca in ciascuno dei due periodi di dodici mesi precedenti la data di arresto, fatti salvi eventi non imputabili ai beneficiari, opportunamente documentati dalle competenti Autorità;
- il rispetto dell'intero periodo di fermo obbligatorio e volontario.
Termini di presentazione:
Le domande dovranno pervenire entro le ore 12 del 10 giugno 2015
Documentazione:
Domanda di richiesta di aiuto/indennizzo con allegati:
- fotocopia del documento di identità;
- autorizzazione alla presentazione della domanda rilasciata, in autocertificazione, da tutti i proprietari all'armatore (allegato 1).

Modalità di invio:
1. spedizione a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno all'indirizzo: Argea Sardegna - Servizio istruttorie e attività ispettive - Viale Adua, 1 - 07100 Sassari;
2. presentazione diretta agli uffici di Argea Sardegna;
3. invio per via telematica tramite posta elettronica certificata (areaispettiva@pec.agenziaargea.it) specificando nell'oggetto la dicitura "Domanda di ammissione al premio pesca per l'arresto temporaneo facoltativo anno 2013".
Modulistica:
- modulo di domanda [file .rtf]
- fac simile autorizzazione proprietario [file .pdf]

Costo:
Marca da bollo da 16 euro da applicare alla domanda (tranne i casi di esenzione)

Descrizione del procedimento:
Per favorire il riequilibrio tra sforzo di pesca e risorse disponibili, annualmente è disposta un'interruzione temporanea della pesca nelle acque del mare territoriale della Sardegna, per le imbarcazioni iscritte nei Compartimenti marittimi della Sardegna e abilitate ai sistemi di pesca a strascico e/o volante, ad esclusione delle unità abilitate alla pesca oceanica che operano oltre gli stretti.

A favore delle imprese di pesca che aderiscono alla prosecuzione facoltativa dell'arresto temporaneo è concesso un premio calcolo in base all'effettivo numero di giorni lavorativi di arresto temporaneo facoltativo e alla stazza lorda del motopeschereccio.

Argea Sardegna è il soggetto responsabile dell'attuazione delle misure di aiuto e provvede alla ricezione, istruttoria, controllo e liquidazione delle domande.
Informazione a cura dell'Urp della Presidenza