Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Contributi per l'insegnamento e utilizzo della lingua sarda veicolare in orario curricolare nelle scuole. annualità 2016
Legge regionale n. 6 dell'11 aprile 2016. Insegnamento e utilizzo veicolare della lingua sarda in orario curricolare, nelle scuole di ogni ordine e grado

Dove rivolgersi:
Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport
Servizio lingua e cultura sarda, editoria e informazione
Viale Trieste, 186 - 09123 Cagliari
Tel:070/6065735 Fax:070/6064127
Email:
Indirizzo emailpi.cultura.sarda@regione.sardegna.it

Referenti:
Cristiano Becciu, funzionario istruttore, tel. 079 2088559, e-mail: cbecciu@regione.sardegna.it - Cristina Baiocchi, responsabile del Settore Lingua e Cultura Sarda, tel. 070 6064544, e-mail: cbaiocchi@regione.sardegna.it .
Per informazioni ed accesso agli atti
Ufficio Relazioni con il Pubblico della Pubblica Istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport
Viale Trieste, 186 - 09123 Cagliari
Tel:070/6067040 Fax:070/6064291
Email:
Indirizzo emailpi.urp@regione.sardegna.it
Giorni e orario di ricevimento: dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 13, il pomeriggio martedì e mercoledì dalle 16 alle 17
Destinatari:
Istituti scolastici della Sardegna (comprese le scuole dell'infanzia)
Termini di presentazione:
Ore 24 del 30 settembre 2016 per le domande

Per la rendicontazione il termine di presentazione è il 30 settembre 2017.
Documentazione:
Ogni scuola, anche all’interno di istituti comprensivi, può presentare una sola proposta per una sola classe. La domanda (vedi modello A) dovrà essere corredata da:
- dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (modello B);
- fotocopia di un valido documento di identità del dirigente scolastico;
- preventivo finanziario a pareggio.

Le domande dovranno essere inviate con le seguenti modalità:

scuole pubbliche
- tramite posta elettronica certificata (pec) all’indirizzo: pi.dgbeniculturali@pec.regione.sardegna.it

scuole private
- preferibilmente tramite PEC all’indirizzo:pi.dgbeniculturali@pec.regione.sardegna.it oppure raccomandata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo:

Regione Autonoma della Sardegna
Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport
Direzione generale dei beni culturali, informazione, spettacolo e sport
Servizio lingua e cultura sarda, editoria e informazione
Viale Umberto, 72- 07100 Sassari

Nella busta dovrà essere indicata la dicitura
Avviso pubblico: "Lingua sarda in orario curricolare" – annualità 2016.



Per la rendicontazione delle spese sarà necessario presentare:

- una dettagliata relazione descrittiva sull’attività svolta (con l’indicazione del periodo di svolgimento dell’attività, dell’eventuale formazione e sensibilizzazione degli insegnanti e/o dei genitori sull’utilizzo della lingua sarda in orario curricolare, del grado di partecipazione degli studenti, dei risultati raggiunti, ecc.) e dell’eventuale documentazione prodotta;
- una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, redatta
esclusivamente sul relativo Modello C) riguardante le spese
sostenute;
- un DVD o altro supporto informatico, che contenga la registrazione video e audio di almeno due lezioni del corso per cui l’Istituto ha avuto il contributo, senza il quale non sarà possibile erogare il contributo.
Modulistica:
Scarica la modulistica [file .zip]


Descrizione del procedimento:
La Regione promuove progetti nelle scuole interessate a sperimentare l'insegnamento in lingua sarda durante il normale orario di lezione. Con lingua sarda si intende sia la lingua sarda propriamente detta, sia le varietà alloglotte: catalano di Alghero, tabarchino, turritano e gallurese.

Ogni progetto deve prevedere l'utilizzo della lingua sarda durante le lezioni (qualunque sia la materia insegnata). I corsi devono avere una durata minima di 24 ore, ripartite in almeno 2 ore settimanali per 3 mesi nella stessa classe.

Le lezioni possono essere svolte dall'insegnante titolare o in alternativa da un esperto esterno. In entrambi i casi l'insegnante che tiene le lezioni deve essere di madrelingua sarda o almeno possedere una competenza attiva e passiva della lingua sarda di livello C1* secondo il Quadro comune di riferimento europeo.

Le scuole interessate possono presentare i progetti all'Assessorato regionale della Pubblica istruzione che li seleziona e predispone due distinte graduatorie: una per gli istituti che affidano l'incarico di svolgere le lezioni in lingua sarda a un esperto esterno e una per quelli che impiegano un insegnante interno alla scuola. I contributi consistono in massimo di 3000 euro per gli istituti che ricorrono all'esperto esterno e 1550 euro per gli istituti che impiegano un docente interno.

I progetti dovranno essere realizzati entro giugno 2017. I contributi assegnati saranno erogati a conclusione dei progetti, a seguito di rendicontazione delle spese sostenute (modello C) e presentazione di dettagliata relazione sull'attività svolta e di un DVD che contenga la registrazione di almeno 2 lezioni del corso per cui l'istituto ha avuto il contributo.

Responsabile del procedimento:
Direttore del Servizio
Normativa di Riferimento:
- Legge Regionale n. 6 dell' 11/04/2016 - Legge finanziaria 2016
- Delibera della Giunta Regionale n. 33/23 dell'08/08/2013 - Sperimentazione, nelle scuole di ogni ordine e grado, dell'insegnamento e dell'utilizzo veicolare della lingua sarda in orario curricolare.
- Bando 2016 - Apertura dei termini per la presentazione delle proposte.
Note:
*Il livello C1 è un livello avanzato o "di efficienza autonoma" che prevede: comprensione di testi lunghi e complessi anche con significati impliciti. Scioltezza e naturalezza nel parlato per scopi sociali, professionali ed accademici. Produzione di testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi con sicuro controllo della struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione.
Allegati e collegamenti:
Elenco definitivo beneficiari Istituti scolastici paritari 2015[file.pdf]
Informazione a cura dell'Urp della Presidenza