Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


L'UNIONE SARDA - Trasporti e infrastrutture: Traghetti, indietro di vent'anni
18.01.2012
LA MADDALENA. Prima l'addio di Enermar, ora la nave Saremar Isola di San Pietro va in cantiere Nell'isola ormai è emergenza: oggi una conferenza di servizi a Cagliari C'è preoccupazione nell'esercito dei pendolari, e degli isolani, che ogni giorno deve viaggiare da e per Palau, per lavoro o per necessità, su una rotta che, dopo l'uscita dal servizio della società Enermar, si è trovata improvvisamente retrocessa alla condizione d'una ventina d'anni fa quando le attese sulle banchine d'imbarco potevano essere davvero lunghe, e l'imbarco una lotta. Qualche giorno fa, infatti, i pendolari e altri indignados si sono dati appuntamento in piazza grazie al tam tam della rete e hanno protestato per una situazione che si delinea non proprio rosea per il futuro. Venerdì, infatti, il moto traghetto 'Isola di Santo Stefano' della società Saremar dovrebbe andare ai lavori. Per circa un mese e mezzo, se tutto andrà bene, ci si dovrà accontentare di un traghetto che ha una capienza d'imbarco di un terzo, come sono l''Arbatax' o il 'Maddalena'. Nello stesso periodo dovrebbe prendere la via del sud Sardegna anche l'Enzo D, della Delcomar perché la società dell'armatore Franco Del Giudice, vincitrice di gara, dovrebbe adibirlo al servizio su Carloforte. Anche in questo caso a sostituirlo potrebbe essere un traghetto di capacità molto minore. Insomma, si perderebbe non meno della metà della capacità di trasporto attuale delle due società in linea. L'assessore alla programmazione Nicola Gallinaro ha reso noto che l'amministrazione ha già interessato del problema l'assessorato Regionale. Oggi una rappresentanza della Giunta sarà a Cagliari in conferenza dei servizi, con l'assessore ai trasporti e con la Capitaneria di Porto. «Domani saremo in commissione trasporti. La nostra proposta - chiarisce l'assessore - è di posticipare la partenza dell'Enzo D alla fine di febbraio, per non farla combaciare con quella dell'Isola di Santo Stefano. Se la Saremar non potrà derogare ai lavori su quest'ultimo traghetto, faccia uno sforzo per inviare un mezzo altrettanto capiente. Sappiamo che mezzi a disposizione ci sono - termina Gallinaro - ad esempio le due navi dell'Enermar ferme a Cagliari, e altre in altri porti della Sardegna, anche qui a La Maddalena. Tutt'altro genere di discorso è se manca la volontà politica di agire». Su questo versante il viaggio a Cagliari del sindaco e dell'assessore Gallinaro potrà essere determinante. F.N.

Scarica l'articolo in formato Pdf
Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2020 Regione Autonoma della Sardegna