Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Direzione generale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale
Via Pessagno n.4 - 09126 Cagliari

Direttore Generale
Dott. Sebastiano Piredda
linea diretta 070/6066330
fax 070/6066250
Indirizzo emailagricoltura@regione.sardegna.it
Indirizzo emailagricoltura@pec.regione.sardegna.it

Nell’ambito delle materie di competenza dell’Assessorato rientrano la riforma dell'assetto agro-pastorale, la produzione agricola ed allevamento del bestiame, l'assistenza tecnica, la valorizzazione e la tutela dei prodotti agricoli, la ricomposizione fondiaria, le bonifiche, trasformazioni e miglioramenti fondiari ed agrari, la programmazione della viabilità rurale, le incentivazioni creditizie, le funzioni amministrative sull'applicazione del regime delle quote latte(in particolare attività di indirizzo e monitoraggio sull'attuazione delle disposizioni normative e rapporti di natura non gestionale con l'Unione europea, Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali, Agenzia per le erogazioni in agricoltura ed altre regioni), l'arboricoltura e forestazione produttiva e gli usi civici. I compiti del Direttore Generale sono definiti dagli articoli 23 e 24 della legge regionale n. 31 del 1998, ed in particolare: collabora con gli organi di direzione politica, esprimendo pareri, formulando proposte e fornendo le informazioni necessarie ed utili per l’assunzione di decisioni e l’adozione di atti; cura l'attuazione delle direttive generali, dei piani e dei programmi definiti dagli organi di direzione politica; dirige, controlla e coordina l'attività dei direttori dei servizi e degli altri dirigenti facenti capo alla direzione generale cui è preposto, anche con potere sostitutivo in caso di inerzia; adotta gli atti di competenza inerenti l'organizzazione e la gestione del personale e, nel rispetto dei contratti collettivi, provvede all'attribuzione dei trattamenti economici accessori. Inoltre, allo scopo di perseguire l'efficienza e l'efficacia dell'azione amministrativa, cura la combinazione ottimale delle risorse umane, finanziarie, tecnologiche e temporali assegnategli e favorisce la comunicazione con i diversi soggetti, istituzionali e non, interessati alla attività della Regione; promuove e incentiva la crescita professionale e la motivazione delle risorse umane impegnate nella struttura verificando costantemente il grado di raggiungimento dei risultati.