Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione delle siccità
Via Mameli, 88 - 09123 Cagliari
Tel. 070/6066671 Fax 070/6066391
CUF: T5A56W

Direttore: vacante

Indirizzo emailamb.tutela.acque@regione.sardegna.it

Compiti
Studi, indagini e monitoraggio, attività tecnico amministrative in materia di:- idrologia dei regimi fluviali- idrogeologia- matrici ambientali dei bacini idrografici-qualità dei corpi idrici- equilibrio del bilancio idrico- economia del ciclo idrico- valore economico degli usi dell’acqua- caratteristiche e prestazioni dei servizi idrici- servizio idrico integrato- predisposizione del Piano di gestione del distretto idrografico ai sensi della Dir. 2000/60/CE e dei Piani Stralcio di Settore- gestione dei Piani Stralcio di Settore (rilascio autorizzazioni, pareri, consultazione pubblica, ecc.)- elaborazione, analisi dei dati di monitoraggio del territorio per i settori di competenza- gestione delle emergenze- predisposizione di atti di indirizzo che fissano criteri ed obiettivi guida dall’Autorità ad altri Enti che operano sul territorio nelle materie di competenza- predisposizione degli atti amministrativi da sottoporre all’approvazione del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino nelle materie di competenza

Consulta i procedimenti del servizio
I settori del servizio

SETTORE INFRASTRUTTURE E MISURE DI INTERVENTO PER LA TUTELA DELLE ACQUE
Responsabile: Ing. Alessandro Cadeddu
consulta il curriculum
Via Mameli, 88 (1° piano ) - 09123 Cagliari
Tel. 070/6065934 Fax 070/6066391

Indirizzo emailContatta il settore

Compiti
Il settore si occupa di:- monitoraggio e verifica dell’attuazione delle misure previste nell’ambito del Piano di gestione del distretto Idrografico/Piano di tutela relativamente agli interventi idrico fognario-depurativi e cura i rapporti con i soggetti attuatori e gli enti interessati; - adempimenti connessi all’attuazione in Sardegna della Direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane;- verifica la programmazione degli interventi idricofognario-depurativi e la relativa attuazione per le finalità di cui alla tutela quali-quantitativa delle risorse idriche; - attività di supporto alla verifica del raggiungimento degli obiettivi di qualità delle acque interne e marino costiere attraverso la realizzazione delle opere infrastrutturali e delle misure previste dallapianificazione e programmazione regionale;- partecipazione, per gli aspetti tecnici di pertinenza, al rilascio di autorizzazioni agli scarichi di competenza regionale e gestione delle pratiche SUAP(AUA, AIA ecc) in materia di scarichi, rilascio delle deroghe (art. 10 della DGR 69/25 del 10.12.2008);- aspetti tecnici di pertinenza, in collaborazione con il Settore Pianificazione di Bacino, relativi all’istruttoria dei progetti di interventi di fognatura e depurazione preodinata al rilascio del parere di conformità alla pianificazione regionale, alle norme e direttive in materia di tutela delle acque dall’inquinamento; - gestione delle problematiche connesse alle procedure di infrazione avviate dalla CE per i casi di violazione nell’ambito del bacino della Sardegna della Direttiva 91/271/CEE, curando i rapporti con i soggetti attuatori, gli enti interessati e con i competenti uffici ministeriali. - gestione delle problematiche del riutilizzo delleacque reflue depurate, attraverso l’attuazione della Direttiva approvata con DGR n. 75/15 30/12/2008 recante Direttiva regionale ''Misure di tutela qualiquantitativa delle risorse idriche tramite il riutilizzo delle acque reflue depurate''. Svolge le attività tecnico istruttorie finalizzate all’approvazione dei Piani di Gestione per il riutilizzo delle acque reflue depurate così come previsti dalla DGR n. 75/15 del 2008; - cura la verifica dell’efficacia degli interventi connessi al risanamento dei corpi idrici, in rapporto agli obiettivi prefissati con gli strumenti di pianificazione regionale, attraverso il controllo dell’efficienza delle strutture fognario depurative. A tal fine cura i rapporti con i soggetti attuatori in materia di controllo degli scarichi (province, Arpas, Egas, gestori dei servizi idrici; - verifica (art. 19 della Legge regionale 29/97), della programmazione degli interventi idrico fognario depurativi in capo Ente di governo d’ambito della Sardegna e verifica della relativa attuazione; - gestione della banca dati degli scarichi (domestici, urbani e industriali) e dei relativi controlli;- attività relative al POR 2014-2020; - attività residuali connesse al risanamento degli stagni; - verifica l’attuazione degli interventi per l’attuazione dell’opera PIA 6 Sud S. Gilla – Intervento a7 ''Sistemazione e rinaturazione difese litoranee''; - bonifica e sistemazione fascia costiera nel Comune di Capoterra, in delega alla Provincia di Cagliari;- partecipazione al coordinamento per la predisposizione del Piano di Tutela delle Acque e del Piano di gestione del distretto idrografico ed ai relativi aggiornamenti, fornisce, in particolare, i contributi di competenza relativamente all’analisi delle pressioni derivanti da fonti puntuali e diffuse sulle acqueinterne e marino costiere e all’individuazione delle misure infrastrutturali e delle priorità di intervento;- partecipazione, in coordinamento con gli altri Settori ed in raccordo con gli Enti interessati alla predisposizione di norme tecniche e criteri per la definizione e individuazione degli agglomerati, di cui alla Direttiva 91/271/CEE e al D.Lgs 152/2006;- cura l’attività di mappatura e stato di consistenza degli agglomerati, di cui alla Direttiva 91/271/CEE e al D.Lgs 152/2006, e delle infrastrutture dei servizi di fognatura e depurazione e predispone la relazione annuale sullo stato della depurazione in Sardegna; - partecipazione, in coordinamento con gli altri Settori e in raccordo con gli Enti interessati, alla predisposizione di regolamenti e accordi attuativi per l’attuazione degli adempimenti connessi al controllo degli scarichi, con particolare riferimento al Protocollo operativo per il controllo degli scarichi approvato con Delibera del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino n. 1 del 23.07.2013; - promuovere, in coordinamento con gli altri settori, proposte in merito all’adozione di soluzioni innovative o progetti pilota per la prevenzione, ilcontenimento e la riduzione dell’inquinamento delle acque, per l’equilibrio del bilancio idrico e per il riuso dei reflui depurati anche attraverso stipula di appositi accordi con altre istituzioni e Università; - predisposizione di atti normativi, regolamentari e linee guida da sottoporre all’approvazione del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino nelle materie di competenza del settore.

SETTORE PIANIFICAZIONE DI BACINO
Responsabile: Ing. Pasquale Lasio
consulta il curriculum
Via Mameli, 88 (1° piano ) - 09123 Cagliari
Tel. 070/6066681 Fax 070/6066391

Indirizzo emailContatta il settore

Compiti
Il settore si occupa di: - coordinamento e redazione degli atti di pianificazione della tutela delle acque anche attraverso specifici piani d’azione e/o di settore, in attuazione del DLgs 152/06 e smi, Dir 2000/60 e norme collegate quali: Piano di Gestione del Distretto Idrografico, Piano di Tutela delle Acque (PTA), Piani stralcio di settore;- economia del ciclo idrico; valore economico degli usi dell’acqua; caratteristiche e prestazioni dei servizi idrici; - attuazione del DM di gestione invasi, per quanto di competenza in collaborazione con il settore Monitoraggio e bilancio idrico; - partecipazione, in coordinamento con il settore monitoraggio e bilancio idrico, alla individuazione delle Procedure per la definizione e applicazione del Deflusso Minimo Vitale (DMV-Eflow) attraverso il Tavolo di coordinamento nazionale e quello regionale; - predisposizione e trasmissione al Ministero Ambiente e a Ispra dei dati relativi ai decreti sulla standardizzazione dati di competenza;- attività di interrelazione con i Sistemi Informativi del Servizio (CeDoc, DSS, SI etc) con supporto alla raccolta omogenea delle informazioni necessarie per l’alimentazione delle banche dati nazionali (SINTAI) ed europee (WISE);- promozione, in coordinamento con gli altri Settori, di proposte in merito all’adozione di soluzioni innovative o progetti pilota per la prevenzione, ilcontenimento e la riduzione dell’inquinamento delle acque, per l’equilibrio del bilancio idrico e per il riuso dei reflui depurati anche attraverso stipula di appositi accordi con altre istituzioni e università;- partecipazione, in coordinamento con gli altri Settori e in raccordo con gli Enti interessati, alla predisposizione di norme tecniche e criteri per la definizione e individuazione degli agglomerati, di cui alla Direttiva 91/271/CEE e al D.lgs 152/2006;- attività di assistenza e supporto agli Enti locali e agli Enti interessati, per il recepimento e l’attuazione delle direttive regionali, nazionali e comunitarie in materia di tutela delle acque dall’inquinamento e per l’adeguamento dei rispettivi strumenti attuativi agli indirizzi della pianificazione regionale;- Svolge le istruttorie dei progetti di interventi di fognatura e depurazione preordinate al rilascio del parere di conformità alla pianificazione regionale, alle norme e direttive in materia di tutela delle acque dall’inquinamento, nonchè l’istruttoria delle proposte progettuali di interventi di fognatura e depurazione in variante agli strumenti di pianificazione regionale; - rilascio di autorizzazioni agli scarichi di competenza regionale e gestione delle pratiche SUAP (AUA, AIA, etc.) in materia di scarichi, rilascio delle deroghe di cui all’art. 10 della DGR 69/25 del 2008 e delle deroghe di cui all’allegato 2 alla DGR 75/15 del 2008. - aspetti tecnici di pertinenza relativi all’attuazione della Disciplina degli scarichi e del riutilizzo delle acque reflue depurate;- partecipazione, in coordinamento con gli altri settori e in raccordo con gli Enti interessati, alla predisposizione di regolamenti e accordi attuativi per l’attuazione degli adempimenti connessi al controllo degli scarichi, con particolare riferimento al Protocollo operativo per il controllo degli scarichi approvato con Delibera del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino n. 1 del 23.07.2013; - predisposizione degli atti amministrativi da sottoporre all’approvazione del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino nelle materie di competenza del settore.

SETTORE MONITORAGGIO E BILANCIO IDRICO
Responsabile: Ing. Mariano Tullio Pintus
consulta il curriculum
Via San Simone, 60 (8° piano) - 09122 Cagliari
Tel. 070/6067568 Fax 070/60666391

Indirizzo emailContatta il settore

Compiti
Il settore si occupa di:- partecipazione al coordinamento per la predisposizione del Piano di Tutela delle Acque e del Piano di Gestione del Distretto Idrografico e ai relativi aggiornamenti, fornisce in particolare i contributi di competenza relativamente al monitoraggio e classificazione dei corpi idrici e in tema di bilancio idrico;- aggiornamento del quadro idrologico di riferimento finalizzato alla verifica dell’equilibrio del bilancio idrico (sostenibilità degli utilizzi riconducibili al sistema idrico multisettoriale);- verifica ed aggiornamento del Piano Regolatore Generale degli Acquedotti e degli altri strumenti di pianificazione delle risorse idriche (PSURI);- individuazione degli indirizzi e degli obiettivi per l’elaborazione, da parte del soggetto gestore del sistema idrico multisettoriale, dei programmi di interventi relativi al servizio di approvvigionamento idrico;- istruttoria di progetti di interventi sulle risorse idriche per la verifica della compatibilità con il Piano Regolatore Generale degli Acquedotti;- partecipazione, in coordinamento con gli altri Settori e in raccordo con gli Enti interessati, allapredisposzione di testi tecnici in materia di disciplina degli scarichi e norme collegate e di regolamenti e accordi attuativi per l’attuazione degli adempimenti connessi al controllo degli scarichi, con particolare riferimento al Protocollo operativo per il controllo degli scarichi approvato con Delibera del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino n. 1 del 23.07.2013;- definizione dei criteri e degli obblighi per l’installazione e manutenzione dei dispositivi per la misurazione delle portate e dei volumi d’acqua pubblica derivata o restituita e le norme sul risparmio idrico con particolare riferimento al settore agricolo;- coordinamento della segreteria operativa per l’attuazione del Programma d’azione della Zona Vulnerabile da Nitrati di Arborea. Redazione aggiornamento Programma d’azione della Zona Vulnerabile da Nitrati di Arborea;- raccolta dati smaltimento acque di vegetazione frantoi oleari e relativo sistema informativo per la predisposizione del relativo Piano di smaltimento;- rilascio parere di cui all’art. 7 comma 2 del Regio Decreto n. 1775 del 11 dicembre 1933 come modificato dall’art. 96 del D.Lgs 152 del 03.04.2006. Attuazione della Delibera del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino della Sardegna n. 2 del 22.12.2009;- cura le attività connesse all’attuazione della convenzione con lo Stato della Direttiva quadro 2008/56/CE sulla strategia per l’ambiente marino, erelativo D.lgs n. 190/2010 di recepimento;- coordinamento e organizzazione, in attuazione della Direttiva 2000/60 e del D.Lgs 152/06, delle reti di monitoraggio della qualità (ambientale e per specifica destinazione) delle acque interne, sotterranee e costiere, attraverso l’Arpas, per la verifica del raggiungimento degli obiettivi di qualità e dell’efficacia di interventi di risanamento;- classificazione delle caratteristiche quali-quantitative dei corpi idrici superficiali e sotterraneee stato degli ecosistemi acquatici con riferimento anche all’individuazione ed aggiornamento delle aree sensibili e zone vulnerabili nonchè attività connesse alla attuazione delle normative vigenti relativealla qualità delle acque di balneazione. Elaborazione, analisi dei dati di monitoraggio del territorioper i settori di competenza;- relazione sullo stato della qualità delle acque della Sardegna e aggiornamento degli indicatori ambientali per la valutazione ambientale intermediadel POR;- attuazione del DM di gestione invasi, per quanto di competenza in collaborazione con il settore Pianificazione di Bacino;- partecipazione, in coordinamento con il Settore Pianificazione di Bacino, alla individuazione delle procedure per la definizione e applicazione del Deflusso Minimo Vitale (DMV-Eflow) attraverso il Tavolo di coordinamento nazionale e quello regionale;- predisposizione e trasmissione al Ministero Ambiente e all’Ispra dei dati relativi ai Decreti sulla standardizzazione, di competenza e supporto, attraverso il CEDOC, gli altri settori di attività per i relativi aspetti di competenza;- gestione e implementazione del Sistema Informativo Centro di Documentazione dei bacini idrografici – CEDOC – e dei vari sistemi informativi nonchè gestione del sito internet sulla balneazione per la condivisione delle inormazioni da parte di tutti gli enti competenti in materia, al fine di favorire una gestione coerente e integrata delle risorse idriche; raccolta omogenea delle informazioni necessarie per l’alimentazione delle banche dati nazionali (SINTAI) ed europee (WISE);- promuovere, in coordinamento con gli altri Settori, proposte in merito all’adozione di soluzioni innovative o progetti pilota per la prevenzione, ilcontenimento e la riduzione dell’inquinamento delle acque, per l’equilibrio del bilancio idrico e per il riuso dei reflui depurati anche attraverso stipula di appositi accordi con altre istituzioni e Università.- studi, indagini e monitoraggio in materia di: Idrologia dei regimi fluviali; Idrogeologia; Matrici ambientali dei bacini idrografici; Bilancio idrico ed Equilibrio del bilancio idrico;- realizzazione di strumenti informatici di supporto alle decisioni e di monitoraggio in ordine all’impatto degli interventi; la realizzazione di servizi informativi per la diffusione di dati ed elementi conoscitivi del territorio.- predisposizione di atti normativi, regolamentari e linee guida da sottoporre all’approvazione del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino nelle materie di competenza del settore.

SETTORE GESTIONE FINANZIARIA DEL SERVIZIO E RENDICONTAZIONE PROGRAMMI STATALI E COMUNITARI
Responsabile: Dott.sa Isotta Urpi
consulta il curriculum
Via Mameli, 88 (1° piano ) - 09123 Cagliari
Tel. 070/6066758 Fax 070/6066996

Indirizzo emailContatta il settore

Compiti
Il settore si occupa di:- elaborazione di proposte di bilancio e relativa gestione, proposte programmatiche;- elaborazione e controllo atti contabili: registrazione impegni, provvedimenti relativi alle entrate,disimpegni, riassegnazioni e/o destinazione somme fondo pluriennale vincolato; - gestione adempimenti connessi all’uso di sistemi informativi, banche dati, piattaforma certificazione crediti, ANAC. Adempimenti obblighi di trasparenza anche ex D.lgs 33/2013. Pubblicazioni; - elaborazione provvedimenti di attuazione dell’armonizzazione contabile ex D.Lgs. 118/2011 e supporto al monitoraggio dei dati della contabilità integrata finanziaria ed economico–patrimoniale; - rendicontazione programmi statali e comunitari; - controllo interno di gestione dell’attività amministrativa del Servizio e monitoraggio programma operativo annuale; - attività istruttoria relativa al contenzioso amministrativo sulle materie di competenza del Servizio. - procedure relative all’intera materia contrattualistica: predisposizione atti, convenzioni, contratti, gare d’appalto e altre procedure di scelta del contraente ai sensi del D.Lgs. 50/2016 e L.R. 5/2007; predisposizione bandi di selezione esperti e gestione di contratti flessibili e atipici; - elaborazione accordi di collaborazione con altre pubbliche amministrazioni; - elaborazione di bozze di proposte di norme e relative relazioni inerenti la normativa regionale sulla tutela delle acque integrativa e di attuazione di quella statale e comunitaria della disciplina degli scarichi idrici e rapporti con enti interessati, sulla base delle proposte dei settori;- attività di carattere generale, archivio e protocollo di pertinenza del Servizio.