Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Legge Regionale 04/12/2014, n. 27

Approvazione del rendiconto generale della Regione per l'esercizio finanziaria 2013.
LEGGE REGIONALE 04 dicembre 2014, n. 27

Approvazione del rendiconto generale della Regione per l'esercizio finanziaria 2013.

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA n. 58 del 11 dicembre 2014.

Il Consiglio regionale
ha approvato

Il Presidente della Regione
promulga

la seguente legge:

Art. 1
Rendiconto

1. Il rendiconto generale della Regione per l'esercizio finanziario 2013 è approvato secondo le risultanze di cui ai successivi articoli e come da tabelle A) e B), allegate alla presente legge, che riassumono rispettivamente per titoli e per strategie l'andamento della gestione dell'esercizio 2013.

Art. 2
Entrate di competenza

1. Le entrate tributarie, extratributarie, per alienazione di beni patrimoniali, per riscossione di crediti, per accensione di prestiti e per partite di giro, accertate in conto competenza nell'esercizio finanziario 2013, sono stabilite in euro 7.404.577.408,40 di cui:

Versate euro 6.117.695.607,22

Rimaste da riscuotere euro 1.286.881.801,18

Rimaste da versare euro 0,00

2. I residui attivi della gestione di competenza, relativi alle somme rimaste da riscuotere, al 31 dicembre 2013, sono stabiliti in euro 1.286.881.801,18.

Art. 3
Spese di competenza

1. Le spese correnti, in conto capitale e per rimborso di prestiti, impegnate nell'esercizio finanziario 2013 per la competenza propria dell'esercizio, sono stabilite in euro 6.876.154.986,24 di cui:

Pagate euro 5.172.531.057.57

Rimaste da pagare euro 1.703.917.957,77

Rimaste da impegnare euro 0,00

2. I residui passivi scaturiti dalla gestione di competenza, relativi alle somme rimaste da pagare al 31 dicembre 2013, ammontano complessivamente a euro 1.703.917.957,77.

Art. 4
Gestione finanziaria

1. La gestione finanziaria per l'anno 2013 si chiude con un disavanzo di esercizio pari a euro 181.875.441,40 che, sommato al disavanzo finanziario di euro -1.344.405.379,40, accertato al 31 dicembre 2012, determina una riduzione del disavanzo finanziario complessivo che a chiusura dell'esercizio finanziario 2011 ammonta a euro -1.162.529.938,00.
2. A tale risultato, evidenziando singolarmente la gestione di competenza e quella dei residui, si perviene nel seguente modo:

GESTIONE DELLA COMPETENZA

Totale entrate accertate 7.404.577.408,40

Totale spese impegnate 6.876.154.986,24

Risultato gestione di competenza 528.422.422,16

GESTIONE DEI RESIDUI
Residui Attivi

Residui al 1° gennaio 4.721.811.213,50

Riaccertati al 31 dicembre 4.115.237.184,35

Minori accertamenti -606.574.029,15

Residui Passivi

Residui al 1°gennaio 2013 6.027.915.661,10

Riaccertati al 31 dicembre 2013 5.571.299.709,13

Minori accertamenti 456.615.951,97

Risultato differenziale gestione dei residui -149.958.077,18

Risultato di gestione (avanzo di esercizio 2013) 378.364.344,98

Risultanze complessive:
Differenza + -Gestione di competenza 528.422.422,16

Differenza + -Gestione dei residui -149.958.077,18

Avanzo di esercizio 2013 378.464.344,98

Disavanzo 2012 -594.602.953,69

Disavanzo complessivo al 31.12.2013 (risultato di amministrazione -216.138.608.71

3. I risultati dell'esercizio finanziario 2013 esaminati dalla gestione di cassa pervengono al seguente medesimo risultato di amministrazione:

Situazione di cassa:
Fondo cassa al 31 dicembre 2012 711.501.493,91

Versamenti 7.532.181.878,99

Pagamenti 7.386.638.009,68

Differenza versamenti/pagamenti 145.543.869,31

Fondo cassa al 31 dicembre 2013 857.045.363,22

Residui attivi al 31 dicembre 2013 3.987.632.713,76

Residui passivi al 31 dicembre 2013 5.060.816.685,69

Differenza tra residui attivi e passivi -1.073.183.971,93

Disavanzo complessivo -216.138.608,71

Art. 5
Risultati generali della gestione patrimoniale

1. La situazione patrimoniale della Regione al 31 dicembre 2013 resta stabilita come segue:

ATTIVITÀ E PASSIVITÀ
Attività finanziarie:

Consistenza al 1° gennaio 2013 5.433.312.707,41

Consistenza al 31 dicembre 2013 4.844.678.076,98

Diminuzione consistenza -588.634.630,43

Passività finanziarie:
Consistenza al 1° gennaio 2013 6.027.915.661,10

Consistenza al 31 dicembre 2013 5.060.816.685,69

Diminuzione consistenza 967.098.975,41

A) Miglioramento situazione finanziaria 378.464.344,98

Crediti
Consistenza al 1° gennaio 2013 253.840.824,71

Consistenza al 31 dicembre 2013 280.577.015,08

Aumento consistenza 26.736.190,37

Passività patrimoniali
Consistenza al 1° gennaio 2013 4.506.205.836,52

Consistenza al 31 dicembre 2013 3.859.904.304,86

Diminuzione consistenza 646.301.531,66

B) Miglioramento situazione finanziaria 673.037.722,03

Beni patrimoniali
Consistenza al 1° gennaio 2013 1.095.419.679,23

Consistenza al 31 dicembre 2013 1.112.493.584,88

Aumento consistenza 17.073.905,00

Miglioramento situazione patrimoniale al 31 dicembre 2013 1.068.575.972,66

Art. 6
Prelevamenti dal fondo spese impreviste

1. Ai sensi dell'articolo 23, comma 4, della legge regionale 2 agosto 2006, n. 11 (Norme in materia di programmazione, di bilancio e di contabilità della Regione autonoma della Sardegna. Abrogazione della legge regionale 7 luglio 1975, n. 27, della legge regionale 5 maggio 1983, n. 11 e della legge regionale 9 giugno 1999, n. 23), i decreti dell'Assessore della programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio, emessi previa conforme deliberazione della Giunta regionale, concernenti i prelevamenti effettuati nell'esercizio 2013 dal fondo per le spese impreviste, per un importo complessivo di euro 1.000.000,00, sono di seguito elencati:
- decreto assessoriale n. 313 del 25 ottobre 2013, emesso a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. 33/38 dell'8 agosto 2013, pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione autonoma della Sardegna (Buras) n. 5 del 23 gennaio 2014, concernente: "Trasferimento della somma di euro 30.000,00, per l'incremento del competente capitolo SC06.1365, (di nuova istituzione) per la realizzazione di interventi urgenti di messa in sicurezza dell'impianto di acquacoltura in località "Porto Managu" nel comune di Bosa";
- decreto assessoriale n. 325 dell'8 novembre 2013, n. 11, pubblicato nel Buras n. 5 del 23 gennaio 2014, concernente: "Variazione compensativa tra capitoli della medesima U.P.B. - Art. 9, comma 6, L.R. 2 agosto 2006, n. 11" relativo, tra l'altro, al trasferimento, nell'ambito dell'UPB S08.01.001, della somma di euro 970.000,00 dal capitolo SC08.0002 a favore del capitolo SC08.0001 che non presentava sufficienti disponibilità per provvedere all'esecuzione di varie sentenze del Tribunale superiore delle acque pubbliche, del Consiglio di Stato e della Suprema Corte di cassazione.
La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione.
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.

Data a Cagliari, addì 4 dicembre 2014

Pigliaru