Prova la versione BETA del sito e invia la tua opinione
Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Legge Regionale 23 febbraio 1968, n. 14

Contributi alle sezioni sarde dell’Unione italiana ciechi per funzionamento e organizzazione.
Il Consiglio Regionale ha approvato
Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Art.1
L’Amministrazione regionale è autorizzata ad erogare a favore delle sezioni provinciali dell’Unione italiana ciechi riconosciute o di fatto operanti in Sardegna, un contributo annuo non inferiore a lire 15.000.000, per il conseguimento degli scopi previsti dallo statuto speciale dell’ Unione italiana ciechi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 7 febbraio 1950 e successive modificazioni.

Art.2
Il contributo sarà ripartito in proporzione al numero degli associati a ciascuna delle sezioni provinciali dell’Unione italiana ciechi riconosciute o di fatto operanti in Sardegna e concessa favore delle stesse con decreto dell’Assessore regionale agli enti locali.

Art.3
Ciascuna sezione dovrà presentare, entro il 15 settembre di ciascun anno, all’Assessorato regionale agli enti locali il programma di attività che intende svolgere nell’anno successivo ed entro il 31 marzo di ciascun anno il resoconto dell’attività svolta nell’anno precedente.
Per l’anno 1968 il programma di cui al comma precedente dovrà essere presentato entro sei mesi dalla data di pubblicazione della presente legge.


Art.4
Nello stato di previsione della spesa del bilancio della Regione per l’anno finanziario 1968 sarà istituito il seguente capitolo: “Contributi alle sezioni sarde dell’Unione italiana ciechi per funzionamento e organizzazione“, con lo stanziamento di lire 15.000.000.
Le spese per l’attuazione della presente legge faranno capo al suddetto capitolo dello stato di previsione della spesa del bilancio della Regione per l’anno finanziario 1968 ed ai capitoli corrispondenti dei bilanci successivi.


Art.5
La presente legge ha efficacia dal 1º gennaio 1968.

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.



Data a Cagliari, li 23 febbraio 1968.

Del Rio