Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Mutuo prima casa

Sassari edilizia residenziale

L’Assessorato dei Lavori pubblici ha pubblicato il nuovo bando per le agevolazioni sui mutui contratti per la prima casa di abitazione.
Le agevolazioni consistono in un contributo al pagamento degli interessi sui mutui contratti per l’acquisto, la costruzione, l’acquisto con ristrutturazione o per la sola ristrutturazione della casa.

Sono agevolabili i mutui fino a 120.000 euro di durata fino ai 30 anni.
L’intensità dell’agevolazione , ovvero la percentuale degli interessi di cui si fa carico l’amministrazione, varia in base al reddito dei richiedenti, all’intervento finanziato e alla condizione dei richiedenti che se “giovane coppia” usufruiscono di maggiori aiuti. Per giovani coppie si intendono coloro i quali abbiano contratto matrimonio non oltre i tre anni antecedenti la domanda di agevolazione presentata alla Regione, o che contrarranno matrimonio entro un anno dalla data di presentazione della domanda stessa.

Queste le percentuali di riduzioni del tasso di interesse:
- 50% per i percettori di reddito annuo fino a € 26.080;
- 30% per i percettori di reddito annuo superiore a € 26.080 e fino a € 43.466;
- 50% per i percettori di reddito annuo superiore a € 43.466 e per interventi di recupero e di acquisto con recupero di abitazioni situate sia nei “centri storici” o nei “centri matrice”, sia nei “piccoli comuni” ovvero i comuni con meno di 3.000 abitanti il cui centro disti almeno 15 chilometri dal mare;
- 70% per i percettori di reddito annuo fino a € 43.466, per i mutui contratti dalle famiglie di nuova formazione “giovani coppie”, ovvero a favore di interventi di recupero e di acquisto con recupero di abitazioni situate nei “centri storici” o nei “centri matrice”. In alternativa il contributo regionale può essere riconosciuto per una quota massima del 10%, non eccedente € 10.000, dell’importo del mutuo richiesto quale contributo a fondo perduto, oltre alla riduzione del tasso bancario di interesse nella misura del 50% sulla residua quota dello stesso importo di mutuo.

In tutti i casi sopra elencati la riduzione del tasso bancario di interesse si applica per 26 semestralità per i mutui trentennali e venticinquennali, per 20 semestralità per i mutui ventennali e quindicennali o per 14 semestralità per i mutui decennali:

Le novità del bando 2011, oltre all’aggiornamento dei limiti di reddito, riguardano quindi l’agevolazione fino al 70% della quota interessi per le giovani coppie e per gli interventi nei centri storici, nei centri matrice o nei piccoli comuni. In alternativa si può fare richiesta di un contributo a fondo perduto fino a 10 mila euro unitamente alla riduzione del tasso di interesse del 50%.

Il bando è permanente pertanto rimarrà aperto e si potranno presentare domande fino a esaurimento delle risorse disponibili.

Consulta i documenti
Consulta il procedimento - contributi sugli interessi del mutuo

Informazione a cura dell'Ufficio relazioni con il pubblico della Presidenza