Misura 313 - Incentivazione di attività turistiche

Motivazione e logica dell’intervento
La misura sostiene la creazione di infrastrutture materiali e immateriali a supporto del turismo rurale nelle aree LEADER interessate dai Piani di Sviluppo Locale con azioni finalizzate a: realizzare una rete di aziende agrituristiche e di B&B che completi l'offerta ricettiva locale; realizzare e valorizzare itinerari naturalistici, enogastronomici, equestri, etc.; supportare la creazione di una rete di servizi turistici pubblici e/o privati per la promozione dei territori interessati dagli itinerari; creare servizi volti a migliorare l'arredo turistico del territorio in vista di una migliore fruibilità (centri informazione, cartellonistica, etc.). 

Obiettivi della Misura
La Misura si articola nelle seguenti 4 Azioni: 
Azione 1 – Itinerari: realizzazione di itinerari e/o percorsi segnalati quali strade del vino e dei prodotti tipici, del gusto e delle tradizioni, della transumanza, di turismo equestre (ippovie), culturali e ambientali, nonché la messa in rete degli stessi; 
Azione 2 - Informazione e Accoglienza: realizzazione di centri di informazione e accoglienza turistica e relative reti, attraverso l'adeguamento di strutture esistenti, finalizzate a garantire l'accoglienza al visitatore/turista e fornire informazione specifica sull'area e sui prodotti interessati dal percorso dell'itinerario e l'allestimento dei locali (sale di accoglienza, sale degustazione, e per attività culturali vetrine di prodotti, etc.). 
Azione 3 - Acquisizione di servizi inerenti il turismo in area rurale: servizi di progettazione commercializzazione e promozione dell'offerta di turismo rurale, nonché di produzione degli strumenti di comunicazione. 
Azione 4 - Servizi di piccola ricettività: riqualificazione e adeguamento di immobili, nonché l'acquisto di arredi e di attrezzature per lo svolgimento di altre attività ricettive di piccole dimensioni non classificate come strutture alberghiere, finalizzate all'incremento e/o alla riqualificazione dell'offerta dei servizi di piccola ricettività, così come definiti dalla legge regionale 12 agosto 1988, n. 27, limitatamente all'esercizio di affittacamere (articolo 5) e all'esercizio saltuario di alloggio e prima colazione (articolo 6). L'offerta dei servizi di piccola ricettività dovrà prevedere forme organizzative e coordinate di ospitalità, attraverso la creazione di consorzi o aggregazioni di operatori almeno a livello di singolo comune. 
La Misura è attuata mediante bandi dei GAL. 

Ambito Territoriale  
Azioni 1, 2 e 3: Territori dei Comuni delle aree LEADER 
Azione 4: Territori dei Comuni delle aree LEADER (zone C1 e D1) con priorità per i Comuni ricadenti e/o prospicienti i grandi attrattori ambientali, culturali e paesaggistici. 
Territori di riferimento a seguito della selezione dei GAL e dei PSL: 

Soggetti Beneficiari
Azione 1: Associazioni di Enti pubblici; 
Azione 2: : Enti Pubblici , Associazioni di Enti Pubblici; 
Azione 3: Organismi di gestione dei servizi turistici; 
Azione 4: Soggetti privati 

Tipologia degli Investimenti
Il sostegno è concesso per: 
a) infrastrutture su piccola scala per la creazione di itinerari (sentieristica, centri d'informazione, segnaletica stradale, etc.); 
b) infrastrutture ricreative quali quelle che permettono l'accesso ad aree naturali, con servizi di piccola ricettività; 
c) sviluppo e/o commercializzazione di servizi turistici inerenti al turismo in area rurale; 
d) adeguamento di immobili e acquisto di arredi e di attrezzature. 

Intensità massima dell'aiuto e volume massimo degli investimenti
L'aiuto consiste in un contributo in conto capitale calcolato su una spesa massima ammissibile, ed è concesso con le seguenti intensità: 
Azione 1: 80% della spesa ammessa; 
Azione 2: 80% della spesa ammessa; 
Azione 3: 80% dell'investimento ammesso. L'aiuto è concesso alle condizioni previste dal Reg. (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15.12.06, relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato agli aiuti d'importanza minore (de minimis), GU L 379 del 28.12.06; 
Azione 4: 50% dell'investimento ammesso. L'aiuto è concesso alle condizioni previste dal Reg. (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15.12.06, relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato agli aiuti d'importanza minore (de minimis), GU L 379 del 28.12.06. 

Dotazione Finanziaria della Misura
Il totale della spesa pubblica destinata dai PSL alle azioni della misura è pari a € 27.523.425,41

Contatti 
Servizio Sviluppo Locale

Responsabile di Misura Dott.ssa Marinuccia Sanna 
tel 070 6066232  fax 070 6066276 
e-mail agr.sviluppolocale@regione.sardegna.it

Ambito territoriale: 
Categorie: 

Bandi collegati

10 Novembre 2015

Si rende noto che il GAL Linas Campidano ha approvato le graduatorie definitive delle domande presentate sul I e II bando 2015 della ...

Categorie: Bando GAL
12 Ottobre 2015

Si rende noto che il GAL Linas Campidano ha pubblicato un secondo  bando della misura 313 “Incentivazione di attività turistiche...

Categorie: Bando GAL
01 Ottobre 2015

Si rende noto che il Direttore del Servizio Sviluppo dei territori e delle comunità rurali, con Determinazione n° 15873/938 del 29 settembre 2015...

Categorie: Bando GAL
24 Settembre 2015

Si rende noto che il GAL Alta Gallura – Gallura, con determinazione del Segretario Direttore n. 198 del 21 settembre 2015, ha avviato i controlli...

Categorie: Bando GAL
17 Settembre 2015

Il GAL Sulcis Iglesiente comunica di aver avviato l’istruttoria della documentazione progettuale relativa alle domande di aiuto presentate a...

Categorie: Bando GAL