FAQ Fase 1 Bando di selezione PdA

Si intende la presenza all'interno dell'area selezionata di eventuali sub aree omogenee al loro interno (quindi eterogenee tra di loro) come, zone costiere e zone montane, oppure connotate da differenti percorsi di sviluppo (economico, culturale, identitario).

a. Si, vige il principio della Porta Aperta;

b. Per quanto riguarda la possibilità di essere socio si rimanda alla risposta al quesito a); in merito alla partecipazione al GAL, se per partecipazione si intende la possibilità di acquisire incarichi professionali si rimanda alla risposta della FAQ precedente n. 41. In tutti gli altri casi la partecipazione è una libera scelta.

c.  L'esclusività di adesione riguarda solo i Comuni sui quali insiste il PdA. Un partner privato può aderire a più GAL (ciò si applica ad esempio alle rappresentanze, agli istituti di credito, alle associazioni a valenza nazionale e regionale, imprese con diverse sedi diffuse sul territorio).

Si rimanda a quanto specificato nel bando sulla selezione del personale del GAL, punto 8.2 (requisiti minimi delle strutture dei GAL) e punto 8.1 (requisiti dei GAL), in materia di conflitti di interessi e trasparenza nella gestione dei fondi pubblici.

- Il punteggio di 20 viene assegnato se sono individuate azioni chiave aggiuntive sia per la Misura di cooperazione 19.3 che per Misure che fanno riferimento ad altri fondi.

- Il punteggio di punti 17 viene assegnato se viene individuata un'azione chiave aggiuntiva che fa riferimento o alla Misura di cooperazione 19.3 o alle Misure di altri fondi.

 

Risposta al Quesito 1)

La dichiarazione del Presidente dell'Unione è necessaria per stabilire univocamente:

  • da quali comuni eleggibili è composta l'Unione;
  • che l'Unione (attraverso i suoi Comuni eleggibili) aderisce al GAL.

L'adesione dell'Unione non implica un obbligo per l'Unione di diventare socio del GAL, tale obbligo sussiste solo per i Comuni eleggibili.

Pertanto, considerato che tutti i Comuni eleggibili dell’Unione sono già soci del GAL, l’Unione deve presentare una dichiarazione del Presidente che attesti:

  • che l’Unione con tutti i Comuni eleggibili (fornendo la lista dei Comuni) aderisce al GAL;

Si fa presente che tale dichiarazione (con gli eventuali allegati - le delibere dei comuni - in caso di modifica di un'Unione esistente o costituzione di nuova Unione ) sarà inoltrata all'Assessorato competente per la verifica dei requisiti previsti dalla Legge Regionale n.2/2016 (Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna).

Risposta al Quesito 2)

Anche in questo caso, considerato che sia l’Unione che tutti i Comuni eleggibili dell’Unione sono già soci del GAL, l’Unione deve comunque presentare la dichiarazione del Presidente che attesti:

  • che l’Unione con tutti i Comuni eleggibili aderisce al GAL e che la stessa Unione è socia del GAL;

Per i comuni già soci è sufficiente la dichiarazione del Presidente del GAL che ne attesti la qualità di socio e la regolarità del versamento delle quote.

 

 

Risposta al Quesito 3)

Essendo un documento previsto dal Bando, qualora la dichiarazione del Presidente dell’Unione non dovesse pervenire spontaneamente, il GAL promotore dovrebbe adoperarsi per ottenerla.

 

 

Risposta al Quesito 4)

Considerata la nuova impostazione del Bando che individua l’Unione dei Comuni come unità elementare indivisibile che aderisce ad un GAL ,la dichiarazione del Presidente dell’Unione, redatta nei termini descritti nelle risposte precedenti, deve essere obbligatoriamente presentata in allegato alla domanda di partecipazione.

In caso di assenza della dichiarazione, i Comuni eleggibili di quell’Unione non potranno essere considerati aderenti al GAL pur essendone soci.