FAQ

Si rimanda alla FAQ n. 20 già pubblicata in riferimento alle imprese private in cui si considera l’ubicazione della sede legale delle stesse, se interna all’area GAL (locale) od esterna (provinciale).

Laddove sede legale e sede operativa non coincidano, come nel caso proposto dalla presente FAQ, la sede operativa, che è il luogo in cui le attività  vengono svolte, l’impresa può essere considerata come operante nell’area GAL.

Inoltre le imprese plurilocalizzate che hanno più sedi operative (e tra queste una di esse anche all’interno dell’area GAL) sono da considerarsi come esterne al territorio del GAL

Per tale valutazione si farà riferimento alla documentazione prevista nell’allegato I al Format del PdA (Evidenze del PPP): fogli firme dei partecipanti, verbale sintetico, descrizione dell’eventuale tecnica partecipativa utilizzata e indicazione del soggetto facilitatore + eventuale materiale audio-video-foto-cartaceo). Per ogni fase di costruzione del PdA prevista nel PPP (fasi della programmazione), verrà dunque verificato che sia stata realizzata attraverso tecniche di facilitazione eseguite da soggetti con adeguate competenze tecnico-professionali. Inoltre, nel Capitolo 2.1 “Descrizione del PPP” verrà descritto come (strumenti e tecniche), da chi (il soggetto facilitatore) è stato realizzato il PPP, con quale livello di partecipazione, ecc. (max 2 pagine, escluse le tabelle).

SI. Lo standard Adg della struttura minima del GAL prevede un animatore, ma non è stato fissato alcun vincolo in termini di impegno full-time o part-time. Pertanto nella scelta di due animatori, anche se contrattualizzati part-time,  si ottiene una figura professionale aggiuntiva.

No, come per i partenariati proponenti non ancora costituiti come GAL, può essere presentata la richiesta di formale adesione al GAL da parte del competente organo con cui si delibera l’adesione al GAL e si stanziano le risorse finanziarie necessarie. Nella sostanza non è necessario, se applicabile alla forma giuridica del GAL, il passaggio formale alla presenza del notaio. Questo passaggio deve essere effettuato entro 60gg dalla approvazione della graduatoria dei PdA per adeguarsi ai requisiti previsti dal bando al punto 8.1 (accesso alla Misura 19.4).

Si fa presente inoltre che nel caso in cui la presenza del nuovo socio consente di ottenere una premialità, ad esempio sulla coerenza tra partenariato ed ambito tematico (tab. 2.2.1.b), l’adesione sostanziale del socio al GAL con la sottoscrizione delle quote entro i 60 gg potrebbe rappresentare una condizione di finanziabilità del PdA (La graduatoria potrebbe essere rettificata nel caso in cui quel socio potenziale non diventi tale all’atto dell’adeguamento formale del partenariato).

Oltre allo specifico quesito già affrontato con la FAQ n. 52 si sottolinea che il punteggio massimo previsto di 10 punti si ottiene se alle figure professionali aggiuntive sono associati almeno due dei compiti previsti nella tab. 7.1.1.a , fermo restando che ogni singola figura professionale può presidiare un compito e nel caso ne presidi più di uno va indicato il compito prevalente.

In questi casi, ad esempio 39,2%, va attribuito il punteggio di 1 in quanto il Range per acquisire 1 punto di valore IDMS deve essere compreso tra 30% e 39,9%; il Range successivo (2 punti) tra il 40% e 49,9% e via di seguito; nella simulazione del calcolo fare riferimento all’allegato 4 del bando (database bando calcolo premialità criteri territoriali).

E' ipotizzabile che il GAL sia "beneficiario" per conto del partenariato territoriale di interventi a carattere di sistema. Nella scheda della Misura 19.2 del PSR 2014-2020 viene indicato che tali operazioni che vedano il GAL beneficiario non siano superiori al 10% dell'importo previsto dal PdA. Si fa presente che il GAL in questo caso può operare per conto del partenariato territoriale sia come "stazione appaltante" (selezionerà con procedura di evidenza pubblica il soggetto attuatore) che come organismo "in house" (in quest'ultimo caso deve dimostrare di prestare le proprie professionalità a prezzi congrui). Per quanto riguarda la Misura di riferimento, sulla base della tipologia di intervento previsto si dovrebbe far riferimento ad una puntuale Misura del PSR.