FAQ Leader

Secondo quanto disciplinato dall’art. 71, comma 1, del Reg. (CE) n. 1698/05, “fatto salvo il disposto dell’articolo 39, paragrafo 1, del Reg. (CE) n. 1290/05, le spese si considerano ammissibili al contributo del FEASR se il pertinente aiuto è effettivamente pagato dall’organismo pagatore tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2015. Le operazioni cofinanziate non dovrebbero essere ultimate prima della data di decorrenza dell’ammissibilità”.
Fermo restando quanto previsto dal regolamento, al fine di salvaguardare l’effetto incentivante del contributo comunitario, sono considerate ammissibili le attività e le spese sostenute dal beneficiario successivamente alla presentazione della domanda di aiuto, fatte salve le spese propedeutiche e preliminari alla presentazione della domanda stessa. Si veda l’art. 9 “Spese ammissibili” del bando regionale per l’azione 1 della misura 311.

Per l’azione 1 sono ammessi interventi relativamente ai locali nei quali si intendono svolgere le attività di cui ai punti a) e b) del comma 2 dell’art. 2 della L.R. n. 18 del 23 giugno 1998 e ss.mm.ii.. Nel caso di locali polifunzionali, destinati sia ad attività agricole che agrituristiche, potranno essere finanziati solo gli interventi che riguardano le parti dei fabbricati da destinare all’attività agrituristica.

Gli interventi riportati nel citato punto 4 si riferiscono alla creazione ex novo di spazi attrezzati per l’agricampeggio. Gli interventi sulle strutture destinate a servizi igienici/lavanderia e sugli impianti, in aziende che offrono già il servizio di agricampeggio, rientrano tra gli interventi di riqualificazione delle strutture esistenti di cui al punto 3 dello stesso paragrafo del bando.
L’adeguamento dell’impianto di smaltimento reflui esistente è ammesso in tutti i casi in cui gli interventi da realizzare comportino un aumento del numero degli “abitanti equivalenti”.

No, in quanto non si tratta di interventi rivolti al risparmio energetico. Gli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (eolico – fotovoltaico) sono finanziati dall’azione 6 della misura 311 e dalla misura 121 del PSR 2007-2013.

Se l’adesione ad un itinerario riguarda solo ed esclusivamente l’organismo associativo, le aziende socie non possono attribuirsi il punteggio. Il punteggio può essere attribuito alle aziende che aderiscono singolarmente e formalmente all’itinerario ed alle aziende che fanno parte di un organismo associativo, che aderisce all’itinerario, a condizione che l’atto di adesione dell’organismo associativo preveda esplicitamente anche l’adesione delle singole aziende socie.

Il PSR stabilisce che l’azione 1 della misura 311 è "diretta alla riqualificazione delle strutture agrituristiche esistenti, alla creazione di nuove strutture agrituristiche, e/o la sistemazione di aree aziendali, anche al fine di realizzare attività di agricampeggio".
Il criterio 3.b) consente implicitamente l’attribuzione di 10 punti per la riqualificazione delle strutture agrituristiche esistenti ed evidenzia in maniera più esplicita che i 10 punti possono essere attribuiti anche nel caso di realizzazione di nuove strutture agrituristiche attraverso la riconversione di strutture aziendali esistenti, escludendo le nuove costruzioni e/o l’incremento di volumetrie.