Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Industria, Olmedo, Pigliaru e Piras incontrano i lavoratori della miniera

Si è trattato di un incontro per esaminare il futuro del sito e dei lavoratori, dopo l'approvazione della norma in finanziaria con la quale sono stati stanziati oltre 900 mila euro per affidare alla società in house della Regione IGEA il servizio di custodia e mantenimento in sicurezza della miniera, fino al rilascio della concessione a un nuovo imprenditore attraverso regolare manifestazione di interesse.
Miniera di Olmedo
CAGLIARI, 15 DICEMBRE 2017 - Il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, l'assessora dell'Industria, Maria Grazia Piras, e l'amministratore di IGEA, Michele Caria, hanno incontrato questa mattina a Cagliari i rappresentanti sindacali e una delegazione dei lavoratori della Miniera di Olmedo. Si è trattato di un incontro per esaminare il futuro del sito e dei lavoratori, dopo l’approvazione della norma in finanziaria con la quale sono stati stanziati oltre 900 mila euro per affidare alla società in house della Regione IGEA il servizio di custodia e mantenimento in sicurezza della miniera, fino al rilascio della concessione a un nuovo imprenditore attraverso regolare manifestazione di interesse. L’obiettivo della Regione, da un lato, è assicurare il mantenimento in sicurezza del sito fino alla definitiva attribuzione ad un nuovo concessionario, possibilmente dando risposte ai lavoratori che sono usciti o stanno uscendo dalla mobilità, e, dall’altro, costruire un percorso verso il rilancio della miniera di bauxite. Un rilancio che passi sia attraverso azioni di scouting per trovare un nuovo investitore, sia creando le condizioni perché il sito risulti appetibile da parte di un eventuale nuovo concessionario. Per ciò che riguarda gli aspetti legati all’occupazione, quanto prima sarà stipulata la convenzione tra Assessorato dell’Industria e IGEA che consentirà alla società in house della Regione di prendere in carico il sito minerario. L’incontro, inoltre, è servito per esaminare i possibili percorsi alternativi di sostegno al reddito o di utilizzo temporaneo dei lavoratori della miniera attraverso gli strumenti delle politiche attive del lavoro, anche alla luce delle nuove risorse inserite nella Manovra finanziaria attualmente all’esame del Consiglio regionale.