Vai al contenuto della pagina

Servitù Santo Stefano, Pigliaru: "La Regione si opporrà in ogni sede"
"Per la Regione Sardegna la servitù di Santo Stefano a La Maddalena è scaduta il 3 marzo e noi ci opporremo in ogni sede a qualsiasi volontà di reiterarla. Faremo partire subito un ricorso al Presidente del Consiglio dei Ministri per avere l'occasione di far sentire con fermezza e determinazione la voce dei sardi". Così ha detto il presidente Pigliaru.
santo stefano la maddalena servitù militari palau

CAGLIARI, 21 OTTOBRE 2014 - Di seguito la dichiarazione del Presidente Pigliaru:


"Al Ministero della Difesa che oggi ci comunica di aver approvato l'imposizione della servitù militare su Santo Stefano per altri cinque anni, diciamo che la nostra posizione è quella già condivisa con il Consiglio regionale ed espressa pubblicamente: per la Regione Sardegna la servitù di Santo Stefano a La Maddalena è scaduta il 3 marzo e noi ci opporremo in ogni sede a qualsiasi volontà di reiterarla. Faremo partire subito un ricorso al Presidente del Consiglio dei Ministri per avere l'occasione di far sentire con fermezza e determinazione la voce dei sardi. A differenza di quanto si afferma nel decreto, questa imposizione non è in alcun modo "compatibile con il percorso intrapreso con la Regione Autonoma della Sardegna e con gli enti territoriali a seguito della Seconda Conferenza nazionale sulle servitù militari, tenutasi a Roma nel giugno 2014. Come tutti sanno, non abbiamo messo la nostra firma sul documento uscito da quell'incontro, e il percorso, con l'apertura del tavolo, deve ancora iniziare. La Seconda Conferenza regionale sulle servitù, da noi proposta all’Aula consiliare e in via di organizzazione, sarà il momento del confronto istituzionale, che affronteremo con il sostegno del popolo sardo".