Vai al contenuto della pagina

Finanziaria 2017, Paci: risposte chiare al malessere sociale e lavorativo e politiche per sostenere la ripresa e lo sviluppo
Una manovra da 7 miliardi e 600 milioni (6 miliardi e 200 milioni di entrate proprie più gli stanziamenti europei e nazionali) che vuole intercettare i segnali di ripresa e rafforzarli in vista di una crescita che per il 2017 si annuncia più robusta.

CAGLIARI, 12 GENNAIO 2017 - Priorità assoluta a sociale, lavoro e politiche di sviluppo nella Finanziaria presentata oggi in conferenza stampa dall'assessore della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci. Una manovra da 7 miliardi e 600 milioni (6 miliardi e 200 milioni di entrate proprie più gli stanziamenti europei e nazionali) che vuole intercettare i segnali di ripresa e rafforzarli in vista di una crescita che per il 2017 si annuncia più robusta. Intanto la Sardegna per la prima volta, tra le poche regioni in Italia, può contare sul Reis, il Reddito di inclusione sociale da 30 milioni di euro. Anche questa Finanziaria si basa sulla programmazione unitaria dei fondi regionali, europei e nazionali destinati, da un'unica Cabina di regia, a interventi strategici e condivisi.

NIENTE TAGLI NÈ AUMENTO DELLE TASSE - Nessun taglio agli stanziamenti dell'anno precedente, niente aumento delle tasse, ancora l'Irap più bassa d'Italia con l'azzeramento per i primi 5 anni di attività. Vengono interamente confermati i 600 milioni del Fondo unico per gli enti locali, in proporzione il più alto d'Italia, ma gli stanziamenti a favore dei Comuni arrivano a circa 900 milioni contando le somme per lavoratori socialmente utili, scuole civiche di musica, musei, proloco e i finanziamenti per la gestione integrata dei servizi alla persona. E 25 milioni ancora "liberi" la cui destinazione sarà decisa insieme al Consiglio regionale perché, ribadisce Paci, "la Finanziaria non è dell'assessore o della Giunta, è di tutti i sardi e dunque ho chiesto ancor prima dell'approvazione in Giunta la collaborazione di tutte le parti politiche, sociali, imprenditoriali per fare le migliori scelte possibili per i sardi. Da parte nostra c'è una scelta molto chiara: con questa Finanziaria vogliamo dare risposte al malessere e ai disagi lavorativi e sociali, ma allo stesso tempo vogliamo avviare e consolidare politiche di sviluppo per l'intera Sardegna".

TUTTI GLI INTERVENTI PER SETTORE - Alle politiche sociali vanno 306 milioni di euro, 162 all'Istruzione, 66 ad Attività culturali e Sport, 36 al Turismo. Ci sono poi 57 milioni disponibili per il territorio e l'edilizia abitativa, 542 per l'ambiente, 547 per Trasporti e Mobilità, 130 milioni per competitività e energia, 119 per le politiche del lavoro e la formazione, 311 per Agricoltura e Pesca. Alla Sanità, infine, vengono assegnati 3 miliardi e 300 milioni di euro. "Sui costi della sanità dobbiamo continuare a lavorare molto, perché ridurne i costi significa liberare risorse preziose da investire nelle altre politiche per la Sardegna. Non ci possiamo più permettere una sanità che costa così tanto, e infatti abbiamo messo a punto un piano di risanamento che vogliamo completare in tre anni", sottolinea il vicepresidente della Regione.

PATTO PER LA SARDEGNA E MUTUO INFRASTRUTTURE - Nel 2017, all’interno dei 605 milioni di stanziamento statale, saranno già spendibili i primi 241 milioni del Patto per la Sardegna da 3 miliardi firmato a luglio con il governo: soldi destinati soprattutto a infrastrutture, edilizia scolastica, trasporti, sistemi idrici, energia. Il mutuo infrastrutture tirerà 150 milioni di euro, il doppio rispetto all'anno scorso, il che significa cantieri e dunque possibilità di creare nuovi posti di lavoro. Con il governo ci sono due questioni urgenti da risolvere: gli accantonamenti "che vanno pagati ma ridotti, perché la legge prevede che se subentrano nuove funzioni bisogna rivedere gli importi, e le nuove funzioni noi le abbiamo perché dobbiamo far fronte all'acquisto dei farmaci innovativi e ai nuovi Lea, quindi la somma di 680 milioni degli accantonamenti va assolutamente ridotta. Su questo la nostra trattativa con lo Stato è costante e ferma e resterà in piedi fino a che non otterremo il risultato. E poi rivendichiamo il diritto per la Sardegna ad accedere al fondo nazionale per i farmaci innovativi: stiamo parlando del riconoscimento di pari diritti ai nostri cittadini".
La Finanziaria, approvata a dicembre dall'Esecutivo, è stata trasmessa al Consiglio regionale e sarà ora discussa prima dalla terza Commissione Bilancio poi dall'Aula.

Presentazione Bilancio 2017

Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2017 Regione Autonoma della Sardegna