Vai al contenuto della pagina

Aiuti di stato

Unione europea

Sintetizza la nozione di aiuto di Stato, fornisce informazioni sulle principali norme che disciplinano gli aiuti di Stato e sulla funzione del Distinct Body in materia di aiuti di Stato. Fornisce indicazioni sulle modalità con cui concedere correttamente gli aiuti e sull’accesso al Registro Nazionale Aiuti (RNA) e sul suo utilizzo

Definizione di aiuto di Stato

Gli aiuti di Stato sono definiti all’art. 107, par. 1, del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea (TFUE), come “aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsano o minacciano di falsare la concorrenza, nella misura in cui incidono sugli scambi tra gli Stati membri”.

Norme e giurisprudenza rilevante

La materia degli aiuti di Stato è disciplinata dagli articoli 107, 108 e 109 del Trattato, da alcune importanti Comunicazioni della Commissione europea e da Regolamenti della Commissione e del Consiglio, sia generali sia settoriali.

Valutazione ex ante aiuti di Stato - Distinct Body

Il Distinct Body è una struttura tecnica consultiva con la finalità di assicurare la valutazione ex ante degli atti che possono configurare aiuti di Stato ai sensi dell’articolo 107, par. 1, TFUE.

Modalità di notifica aiuti di Stato

Gli Aiuti possono essere concessi solo previa verifica di conformità con le norme dell'UE.
Gli aiuti con obbligo di notifica costituiscono la generalità dei casi e vanno preventivamente autorizzati dalla Commissione Europea.

Registro nazionale degli aiuti di Stato

L’articolo 52 della L. 234/2012 ha istituito, presso il Ministero dello Sviluppo economico (Mise), il Registro Nazionale degli Aiuti (RNA), in sostituzione della Banca Dati degli Aiuti (BDA). Il RNA è finalizzato a garantire il rispetto dei divieti di cumulo e degli obblighi di trasparenza e di pubblicità previsti dalla normativa europea e nazionale in materia di aiuti di Stato.

Recupero degli aiuti illegali e incompatibili

Quando un aiuto soggetto ad obbligo di notifica non viene notificato alla Commissione europea è considerato un aiuto illegale; la Commissione, in seguito ad un’indagine formale, può inoltre adottare una decisione con la quale dichiara l’aiuto incompatibile con il mercato interno e disporne il recupero presso il beneficiario allo scopo di ripristinare la libera concorrenza