Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Enti Locali: avviata la stabilizzazione dei precari

Con la delibera odierna, la Giunta, ha approvato i criteri di ripartizione delle somme destinate agli Enti Locali per il biennio 2009/2010. Assegnati a Comuni e Province 3 milioni di euro per l'anno 2009 e 3 milioni per il 2010, per avviare il processo di stabilizzazione dei lavoratori precari.
Assessorato Enti locali
CAGLIARI, 26 MARZO 2010 - Assegnati a Comuni e Province 3 milioni di euro per l’anno 2009 e 3 milioni per il 2010, per avviare il processo di stabilizzazione dei lavoratori precari. A stabilirlo è stata una deliberazione della Giunta regionale su proposta dell’assessore degli Enti locali, Gabriele Asunis. In questo modo gli enti locali potranno procedere alla stabilizzazione mobilitando risorse per complessivi 12 milioni di euro nel biennio. Al contributo regionale infatti i Comuni e le Province dovranno aggiungere un finanziamento pari a quello Regionale.

La deliberazione della Giunta è stata assunta dopo che la Conferenza Permanente Regione Enti Locali ha espresso un parere favorevole sui criteri e sulle modalità di ripartizione elaborate dall’Assessore Asunis.

Con il provvedimento messo in campo dalla Regione si è data una prima risposta alle richieste pervenute dai Comuni al fine di consentire alle amministrazioni locali stesse di avviare nel minor tempo possibile la stabilizzazione dei precari.

Con la delibera odierna, la Giunta, ha quindi approvato i criteri di ripartizione delle somme destinate agli Enti Locali per il biennio 2009/2010. Alla luce degli incontri tra la Regione e gli Enti locali e dopo un attento esame delle istanze presentate dalle stesse amministrazioni comunali relative ai propri programmi di stabilizzazione, l’Assessorato degli Enti locali, ha proceduto dunque alla definizione della ripartizione dei fondi stanziati dettando allo stesso tempo dei precisi criteri.

Consulta la tabella di ripartizione fondi precariato