Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


La nuova stagione dei bandi per le imprese, il Roadshow fa tappa a Olbia. Paci, Piras e Morandi: uniamo le forze per far crescere la Sardegna

"La sveglia è suonata", ha detto il vicepresidente Paci lanciando in apertura dell'incontro lo spot che in questi giorni viene mandato in onda nelle tv locali. "La Regione vuole fare la sua parte e la sta facendo, ma sta a noi tutti credere che ci possa essere un futuro migliore, io sono convinto che sia così".
lavoro
OLBIA, 18 NOVEMBRE 2016 - C'è una nuova stagione dei bandi per le imprese. All'insegna della semplicità, della semplificazione, dei tempi rapidi e della stretta collaborazione fra Regione e impresa. L'assessore della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci nella tappa gallurese del Roadshow organizzato con le Autorità di gestione del Fesr, Feasr e Fse. "La sveglia è suonata", ha detto il vicepresidente lanciando in apertura dell'incontro lo spot che in questi giorni viene mandato in onda nelle tv locali. "La Regione vuole fare la sua parte e la sta facendo, ma sta a noi tutti credere che ci possa essere un futuro migliore, io sono convinto che sia così". All'aeroporto Costa Smeralda di Olbia, per parlare della politica della Giunta verso le imprese e del bando T1 che mette a disposizione contributi da 15mila a 150mila euro c'erano anche gli assessori dell'Industria Maria Grazia Piras e del Turismo, Artigianato e Commercio, Francesco Morandi, il presidente della Camera di Commercio del nord Sardegna Gavino Sini e il sindaco di Olbia Settimo Nizzi.

IL BANDO PUBBLICATO - In Gallura per il Bando T1 gli imprenditori di Olbia in 14 giorni hanno presentato 19 domande (7 nel settore Artigianato, 3 Commercio, 5 Industria, 4 Turismo. Nessuna richiesta, invece, dal settore Cultura) per un totale di 650mila euro di contributi. Ovvero l'11% delle domande (168 totali) e dell'importo (5 milioni e 700mila euro). Il bando, pubblicato su SardegnaImprese, resterà aperto fino al 31 dicembre e verrà replicato una volta che i fondi saranno esauriti. I prossimi saranno il T0 con contributi fra 0 e 15mila euro e il T2 fra 200 e 800mila euro. Tutte le 5 tappe previste (le prossime a Nuoro il 21, Cagliari il 25 e Oristano il 28) sono fortemente operative, con workshop tematici e i tre sportelli tematici (Creazione d'impresa, Crescita e Innovazione) attivi per tutta la durata degli incontri a cui gli imprenditori possono chiedere informazioni e supporto. Nell'incontro di lunedì scorso a Sassari 142 imprese hanno partecipato ai workshop e 112 hanno chiesto supporto ai tre laboratori. Oltre 200 le presenze complessive stimate. "Lo sviluppo lo fanno le imprese, la Regione può mettere olio nei meccanismi e questo lo sappiamo bene, infatti siamo qui a raccontare i bandi, a spiegarne le caratteristiche, a dirvi che noi stiamo facendo tutto il possibile per mettere le imprese nelle condizioni di crescere, di creare sviluppo, di garantire occupazione. Abbiamo ricevuto la visita del presidente cinese, occasione straordinaria e vetrina esclusiva per farci conoscere e far conoscere i nostri prodotti, alcuni già apprezzati nel mercato cinese. Le condizioni ci sono - ha concluso l'assessore Paci - allora uniamo le forze e puntiamo tutti insieme allo stesso obiettivo, far crescere le imprese per far crescere la Sardegna".

INTERNAZIONALIZZARE PER CRESCERE - Nell'internazionalizzazione c'è la chiave per la crescita delle imprese: e su questo, assicura l'assessore Piras, l'attenzione della Giunta è massima. "Stiamo lavorando moltissimo con le imprese e per le imprese. Abbiamo un bando da 10 milioni di euro per il Venture Capital e uno da 16 in tre anni per l'internazionalizzazione. Abbiamo organizzato due corsi di formazione per export manager, un forum sull'agroalimentare e uno sull'ITC a Sinnova. E sull'energia, dopo il bando da 2 milioni e mezzo sull'audit energetico, ci sono risorse per oltre 138 milioni, perché risolvere il problema dei costi dell'energia significa aiutare le nostre aziende a essere sempre più competitive", ha spiegato la titolare dell'Industria.

IL MERCATO OLTRE IL MARE - Chiaro il messaggio lanciato alla platea gallurese dall'assessore Morandi: "La missione è superare i confini. Il settore economico che internazionalizza di più è il turismo. In Sardegna abbiamo il 46% di turisti stranieri e il 54% italiani. In Gallura questo trend è invertito e questo ci dà un'indicazione precisa: superiamo i confini regionali, perché il mercato che ci interessa è quello oltre il mare, è quello mondiale sia per il turismo che per l'agroalimentare. Dobbiamo accogliere questa sfida anche attraverso i nuovi bandi che stiamo mettendo in campo, ci sono 23 strumenti raggruppati in 4 macrogruppi, quindi tantissime opportunità e un panel molto importante. Vogliamo che dalla Gallura arriva l'idea-emulazione per tutta la regione: dobbiamo essere competitivi nel mondo, e attraverso il modello Gallura far crescere tutta la Sardegna".