Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Appunti di un cineasta

Oggi prende il via la preziosa iniziativa al Teatro civico di Castello: in programma la proiezione di alcuni film meno noti di Comencini e addirittura l'inedito (mai distribuito in Italia) "Un das am montag morgen - e questo, lunedì mattina" (1959), film tedesco recentemente restaurato dalla Cineteca Italiana di Milano e presentato in anteprima all'ultimo Festival di Locarno.
Cagliari, Palazzo Boyl e il teatro civico di Castello
CAGLIARI, 19 GIUGNO 2009 - È stato uno dei più importanti cineasti del dopoguerra, Luigi Comencini, autore di film popolarissimi come "Tutti a casa", "Pane, amore e fantasia", "La ragazza di Bube" o il "Pinocchio" televisivo.
La preziosa iniziativa che prende il via il 19 giugno al Teatro civico di Castello in via Università (ore 20), prevede la proiezione di alcuni film meno noti di Comencini e addirittura l'inedito (mai distribuito in Italia) "Un das am montag morgen - e questo, lunedì mattina" (1959), film tedesco recentemente restaurato dalla Cineteca Italiana di Milano e presentato in anteprima all'ultimo Festival di Locarno.

Oltre alla rassegna, la Cineteca Italiana propone una mostra di fotografie realizzate dal cineasta tra il 1945 e il 1948. Dopo la morte di Comencini, nell'aprile 2007, la Cineteca Italiana ha proseguito un lavoro di ricerca e valorizzazione dell'opera di uno dei suoi padri fondatori. Il risultato sono appunto l'album fotografico "45/'48" che sarà in mostra al Teatro Civico di Castello fino al 12 luglio, la rassegna con l'inedito film restaurato e un bel catalogo della Fondazione Cineteca Italiana con le 52 foto, una sorta di "book", come scrive la figlia Cristina, che il regista probabilmente portava con sé a Milano "per farsi affidare dei servizi o forse per spiegare al committente l'idea di un documentario sui bambini del dopoguerra".

In rassegna naturalmente ci sono i bellissimi corti di Comencini "Bambini in città", "Il museo dei sogni" e "L'ospedale del delitto", girati fra il '46 e il '50. In mezzo ai film meno noti, come "A cavallo della tigre" o "La valigia dei sogni", la rassegna presenta anche capolavori come "Tutti a casa".

La manifestazione, organizzata dalla Società Umanitaria col patrocinio del Comune di Cagliari in collaborazione con il Teatro civico di Castello, si divide tra Teatro civico e Cineteca sarda della Società Umanitaria.
Alla presentazione di venerdì 19 giugno saranno presenti l'Assessore alla Cultura Pellegrini, che farà gli onori di casa, Paola Comencini, scenografa figlia di Luigi, il critico Gianni Olla e il direttore della Cineteca Sarda Antonello Zanda.


Vai all'approfondimento su SardegnaCultura