Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Protezione Civile, al via a Oristano la II edizione del progetto "Pronti". Spano: a scuola il maggiore investimento in sicurezza

Domani si inizia in aula magna alle 9 e si prosegue sino alle 13 tra seminari sulla storia della Protezione civile, i giochi, i filmati e la visita agli stand dove i volontari risponderanno a tutte le curiosità degli studenti su attività e mezzi. La giornata al Mariano IV è la prima delle tre ospitate nell’istituto oristanese.
Cagliari, 10 gennaio 2018 - Parte dall’Istituto Mariano IV d’Arborea di Oristano, domani (giovedì 11 gennaio), la seconda edizione di ‘Pronti. Protezione Nella Tua Isola’. Grazie al progetto, ideato dalla Direzione generale della Protezione civile per diffondere la cultura della sicurezza nelle scuole sarde di ogni ordine e grado, i funzionari e i volontari del Sistema di protezione civile della Sardegna tornano tra i banchi per formare gli studenti.

L’ASSESSORA SPANO. “L’investimento in cultura della sicurezza sta mettendo buone radici in Sardegna anche per merito di questo progetto che, per il secondo anno scolastico, fa entrare nelle scuole la protezione civile e insegna come proteggere se stessi e gli altri in caso di emergenza”, afferma l’assessora della Difesa dell’Ambiente con delega alla Protezione civile Donatella Spano. Sottolinea, inoltre, la presenza dei volontari: “Con il progetto Pronti, i nostri giovani non solo imparano buone pratiche di sicurezza e le trasferiscono in famiglia ma entrano in contatto con i volontari del Sistema di Protezione civile, grande esempio di generosità e cittadinanza attiva per la nostra isola”.

I VOLONTARI. Alla mattinata oristanese partecipa infatti anche il Volontariato di protezione civile. Dieci le organizzazioni presenti con una sessantina di operatori specializzati. In mostra nel cortile della scuola 16 mezzi operativi, le attrezzature speciali per il soccorso e l’assistenza alla popolazione e quelle del soccorso balneare, alluvionale, radio comunicazioni e ricerca dispersi. “In coordinamento con la Direzione generale, tutte le associazioni aderenti intervengono nel progetto per insegnare ai ragazzi come evitare i rischi e quali canali usare per allertare il Sistema di Protezione civile”, evidenzia Paolo Piredda, vicepresidente di Oristano Soccorso Sardegna Centrale. Le altre associazioni presenti sono AVPC Monte Arci di Uras, ADV Nucleo Sommozzatori Sea Scout di Terralba, Croce Rossa Comitato locale di Bosa, GVPC di Riola Sardo, LAVOS di Oristano, LIVAS di Terralba, OMRCC di Oristano, Psicologi per i Popoli di Cagliari, Resque Dog di Capoterra e SO.SA.GO di Gonnesa.

L’IDEA. Il progetto, che dà gambe all’azione sistemica deliberata dalla Giunta Pigliaru, intende realizzare azioni formative per accrescere in tutti cittadini, e specialmente negli studenti, la conoscenza e la consapevolezza delle situazioni di rischio sul territorio, sviluppando il senso di cittadinanza attiva, responsabilità, resilienza e solidarietà civile. Le attività previste, con il coinvolgimento dell’Assessorato della Pubblica istruzione, dell’Ufficio scolastico regionale e degli Enti locali, sono orientate a promuovere la conoscenza del Sistema di Protezione civile, attraverso il contatto tra docenti e studenti con gli enti, istituzioni e le associazioni di volontariato di protezione civile del territorio.

LA GIORNATA. Domani si inizia in aula magna alle 9 e si prosegue sino alle 13 tra seminari sulla storia della Protezione civile, i giochi, i filmati e la visita agli stand dove i volontari risponderanno a tutte le curiosità degli studenti su attività e mezzi. La giornata al Mariano IV è la prima delle tre ospitate nell’istituto oristanese. Negli altri due incontri, il 22 e il 29 gennaio, la pianificazione di protezione civile e l’attività di previsione con gli esperti dell’Arpas e del Centro Funzionale Decentrato sono poste al centro dei momenti formativi.