Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Politiche sociali: verso una soluzione per code Reis 2018. Assessore Nieddu, obiettivo non penalizzare nessuno

"L'obiettivo che stiamo perseguendo - conclude l'assessore della Sanità - e che abbiamo condiviso con i partecipanti al tavolo è quello di una soluzione che consenta di ottimizzare l'utilizzo della misura nazionale e di quella regionale, mantenendo l'efficacia di entrambe, senza penalizzare nessuno".
assessore Nieddu al tavolo permanente regionale per l'attuazione delle misure di contrasto alla povertà
Cagliari, 29 luglio 2019 - Si è riunito questo pomeriggio presso l'assessorato dell'Igiene, della Sanità e dell'Assistenza sociale il Tavolo permanente regionale per l'attuazione delle misure di contrasto alla povertà, presieduto dall'assessore della Sanità, Mario Nieddu, e partecipato dagli assessorati del Lavoro e della Pubblica istruzione, da Aspal, sindacati, Anci e associazioni di categoria.

"Un incontro - spiega l'assessore Nieddu - necessario a definire la gestione dell'erogazione della quota residua del Reis 2018, alla luce dell'introduzione del Reddito di cittadinanza, che di fatto ha superato la misura del Reddito di inclusione, modificando il quadro normativo".

Un lavoro improntato sulla modifica delle linee guida del Reis 2018. La Sardegna è la prima Regione che sta procedendo concretamente per superare l'incompatibilità fra reddito di cittadinanza e misure regionali, già sospese in altre realtà a seguito dell'introduzione del Rdc.

"L'obiettivo che stiamo perseguendo - conclude l'assessore della Sanità - e che abbiamo condiviso con i partecipanti al tavolo è quello di una soluzione che consenta di ottimizzare l'utilizzo della misura nazionale e di quella regionale, mantenendo l'efficacia di entrambe, senza penalizzare nessuno".