Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Aree industriali: Sulcis terza tappa del monitoraggio, assessori Pili e Frongia a Iglesias

“È necessario costruire un piano di rinascita del Sulcis Iglesiente che punti su infrastrutture, ricerca e innovazione, trasferendoli a ogni segmento dell’economia di uno dei territori più poveri d’Italia”. Così l’Assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia da Iglesias, terza tappa del monitoraggio sulle aree industriali avviato dall’Assessorato dell’Industria.
Carbosulcis
Cagliari, 2 settembre 2019 - “È necessario costruire un piano di rinascita del Sulcis Iglesiente che punti su infrastrutture, ricerca e innovazione, trasferendoli a ogni segmento dell’economia di uno dei territori più poveri d’Italia”. Così l’Assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia da Iglesias, terza tappa del monitoraggio sulle aree industriali avviato dall’Assessorato dell’Industria. “Siamo qui per dare un segnale forte a un territorio in sofferenza – ha detto l’Assessore dell’Industria Anita Pili - Abbiamo ascoltato le istanze dei sindaci, delle imprese e dei rappresentanti sindacali e siamo pronti a lavorare al Piano Sulcis, mettendo a disposizione tutti gli strumenti, a partire da quelli normativi, che possono portare innovazione anche nei settori tradizionali, creando le migliori condizioni di sviluppo di questo territorio”.

Dopo Oristano e San Gavino oggi la Regione, da Iglesias, ha puntato il faro sul Sulcis. Obiettivo dei sopralluoghi - che pian piano andranno a toccare tutte le province - è dare risposte concrete alla necessità di infrastrutturazione primaria e secondaria dei poli industriali, delle Zone industriali regionali, Zir, dei Piani di insediamento produttivo, Pip per mettere le imprese nelle migliori condizioni per operare. Con questo obiettivo anche stamattina gli Assessori Pili e Frongia hanno fatto il punto sulla dotazione infrastrutturale del Sulcis e sugli investimenti da realizzare, senza tralasciare le criticità legate all'infrastrutturazione primaria, ai problemi relativi alla banda larga e, naturalmente, a tutti gli aspetti legati alla tutela dell’ambiente.