Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Ambiente, Istituto Ias del Cnr entra nella Rete regionale per la conservazione della fauna marina

Con la sottoscrizione di una modifica al Protocollo di intesa, lo scorso 9 aprile, l’Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino del Consiglio nazionale delle ricerche (Ias-Cnr) è entrato a far parte della Rete regionale per la conservazione della fauna marina (tartarughe e mammiferi marini). La Rete regionale, istituita nel 2009, è coordinata dell’Assessorato regionale della Difesa dell’ambiente e vede impegnati in primo piano i centri di recupero delle Aree marine protette e del Comune di Pula con il compito di assicurare gli interventi di soccorso, cura, riabilitazione e rilascio in mare della fauna marina e di gestire gli eventi straordinari, come nidificazioni e schiuse in applicazione dei protocolli operativi concertati con il Ministero della Transizione ecologica e con Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale).

“L’Istituto del Cnr - ha sottolineato l’assessore Lampis - supporterà l’Assessorato nelle attività di coordinamento e garantirà una qualificata supervisione tecnico-scientifica ai centri di recupero nelle attività di primo soccorso, nella predisposizione ed attuazione dei protocolli operativi nel territorio regionale e nella conseguente reportistica. L’attività principale della Rete è il recupero ed il soccorso in mare delle tartarughe marine, come la caretta caretta, o di quelle più rare (chelonia mydas - tartaruga verde e dermochelys coriacea - tartaruga liuto) e dei mammiferi marini (delfini, tursiopi, stenelle). L'attività della Rete regionale si intensifica con l’avvio della stagione estiva, periodo riproduttivo delle tartarughe marine”.

Il Corpo forestale e le Capitanerie di porto delle Direzioni marittime di Cagliari e Olbia garantiscono alla Rete la vigilanza, il presidio e il coordinamento nella gestione delle emergenze, il supporto alle attività di recupero e reimmissione in natura delle specie.

“L’importante numero di recuperi di animali in difficoltà e le segnalazioni di eventi di nidificazione di caretta caretta degli ultimi anni fa capire come la popolazione sia stata informata e sensibilizzata. Le segnalazioni ai corpi di vigilanza, in caso di rinvenimento, partono puntuali, garantendo l’immediata attivazione della macchina regionale secondo i protocolli definiti e sperimentati. In caso di rinvenimento, sono attivi i numeri verdi del Corpo forestale (1515) o della Capitaneria di porto (1530)”, ha aggiunto l’assessore Lampis.