Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Rifiuti, Assessore Lampis: "La Sardegna si conferma seconda regione in Italia nella raccolta differenziata"

Lo ha sottolineato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, presentando i dati contenuti nel ‘Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna’, predisposto dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Sardegna (Arpas), che evidenzia come, rispetto al 2019, la percentuale di raccolta differenziata è aumentata dal 72,9% al 74,22% (+1,32), determinando un identico incremento della percentuale di rifiuti avviati a riciclaggio.
Cagliari, 9 febbraio 2022 – “Grazie all’impegno costante di cittadini, amministrazioni locali e Regione, nel 2020 la Sardegna si è confermata, come certificato anche dall’Ispra, la seconda regione in Italia per la quantità di rifiuti urbani raccolti in maniera differenziata rispetto alla quantità totale di rifiuti prodotti”. Lo ha sottolineato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, presentando i dati contenuti nel ‘Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna’, predisposto dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Sardegna (Arpas), che evidenzia come, rispetto al 2019, la percentuale di raccolta differenziata è aumentata dal 72,9% al 74,22% (+1,32), determinando un identico incremento della percentuale di rifiuti avviati a riciclaggio.

L’Assessore ha illustrato anche alcuni dati territoriali: 79,39% di raccolta differenziata nella provincia di Oristano; 78,05% in quella di Nuoro; 77,76% nel Sud Sardegna; 73,30% nella Città metropolitana di Cagliari; 70,34% nella provincia di Sassari. E' aumentato il numero dei Comuni che hanno superato l’obiettivo di legge del 65%: 366 Comuni su 377, per una popolazione complessiva del 91%: “Un risultato in cui spicca il risultato di Cagliari – ha evidenziato l’Assessore della Difesa dell’ambiente – che ha migliorato il proprio dato di circa 5 punti percentuali (69,94%). Inoltre, sono 144 Comuni che hanno superato l’80% di raccolta differenziata. A livello provinciale, tutti i territori hanno superato il 70%, compresa, per la prima volta, la provincia di Sassari, nonostante la prestazione non ancora efficace del Capoluogo, unico centro sardo sopra i 30.000 abitanti a non aver adottato il porta a porta estensivo su tutto il territorio e a non aver raggiunto il 60% di raccolta differenziata. I Comuni che hanno superato la percentuale dell’80% si confermano quelli interessati da importanti flussi turistici, come Orosei, Siniscola e Tortolì, affiancati da alcuni meno popolosi, come Monti, Sant’Antonio di Gallura e Ussassai, nonché da interi territori nei quali i servizi di raccolta sono gestiti in maniera associata, come l’Associazione dei Comuni di Irgoli, Loculi, Onifai e Galtellì, la Comunità montana del Gennargentu Mandrolisai (Aritzo, Atzara, Austis, Belvì, Desulo, Gadoni, Meana Sardo, Ortueri, Sorgono, Teti e Tonara) e l’Unione della Trexenta (Gesico, Guamaggiore, Guasila, Ortacesus, Pimentel, Selegas, Senorbì, Siurgus Donigala e Suelli)”.

I risultati del 2020 sono stati condizionati dalla pandemia, infatti la produzione complessiva dei rifiuti urbani è diminuita di circa 26.000 tonnellate rispetto al 2019, dato verosimilmente legato alle minori presenze turistiche nell'Isola. Perciò, sono diminuiti sia il totale dei rifiuti avviati a smaltimento, sia il totale di quelli avviati a riciclo. Sono diminuite le quantità raccolte di frazione organica (-2%), frazione verde (-7%), vetro (-5%), carta (-4%), plastica (-1%), tessili (-5%) e ingombranti (-11%). Mentre sono in significativa crescita gli imballaggi in metallo (+11%), i metalli (+4%), il legno (+4%), i rifiuti elettronici, (+4), gli inerti (+10%), gli oli (+14%) e lo spazzamento stradale (+10%). L’incremento della raccolta differenziata regionale ha determinato un miglioramento della percentuale di rifiuti urbani avviati a riutilizzo e a riciclaggio (58% e 64%), che già si attestava su valori superiori all’obiettivo di legge fissato al 50% per il 2020.

“Oltre i tanti risultati positivi, si intravede qualche ombra – ha aggiunto l’assessore Lampis – Preoccupa la tendenza dei conferimenti impropri nel circuito pubblico, perciò è necessario completare l’attuazione degli interventi che possono determinare ulteriori riduzioni. E' fondamentale accompagnare i Comuni verso l’introduzione della tariffa puntuale, in modo da ottenere una distribuzione dei costi per i cittadini più equa e rispettosa del principio ‘chi inquina paga’. Preoccupa anche il dato relativo alla diminuzione dei rifiuti avviati alla termovalorizzazione, con conseguente incremento delle quantità di rifiuti urbani da conferire direttamente in discarica, a causa dei lavori di ristrutturazione dei termovalorizzatori. In particolare, ci sono ritardi nel termovalorizzatore di Macomer e nella realizzazione degli ampliamenti di alcune discariche”.

“Il risultato finora raggiunto ci fa ben sperare per il conseguimento degli obiettivi del Piano regionale, l’80% di raccolta differenziata e il 70% di riciclo nel 2022, ma non dobbiamo abbassare la guardia. Sarà compito della Regione attuare le rimanenti azioni del Piano per consolidare e migliorare i risultati, portando i Comuni, che non hanno ancora adottato sistemi efficienti di raccolta, a ridurre le quantità avviate a smaltimento e rendendo la gestione dei rifiuti urbani più efficace ed efficiente in tutte le fasi, dalla raccolta al trattamento. Verrà mantenuto il meccanismo premialità/penalità, incentiveremo l’adozione della tariffa puntuale e completeremo la dotazione territoriale di infrastrutture impiantistiche necessarie per rendere la nostra economia sempre meno lineare e sempre più circolare. Per quanto riguarda i territori ad alta densità turistica, stiamo valutando l’ipotesi di finanziare ecocentri costieri e isole ecologiche controllate, che in collaborazione con gli enti locali possano contribuire a migliorare le percentuali della raccolta differenziata regionale”, ha concluso l’esponente della Giunta Solinas.