Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Autismo, il governo conferma la legittimità della legge regionale. Il Presidente Solinas: “Risultato importante, nostro impegno a tutto campo per garantire inclusione e assistenza”

Il Consiglio dei Ministri ha confermato la piena legittimità della Legge regionale sarda numero 14 approvata a luglio in materia di “Disposizioni a favore delle persone con disturbo dello spettro autistico”. La normativa è stata esaminata ieri a Palazzo Chigi insieme ad altre undici leggi regionali.
Presidente Christian Solinas
Cagliari, 17 settembre 2022 – Il Consiglio dei Ministri ha confermato la piena legittimità della Legge regionale sarda numero 14 approvata a luglio in materia di “Disposizioni a favore delle persone con disturbo dello spettro autistico”. La normativa è stata esaminata ieri a Palazzo Chigi insieme ad altre undici leggi regionali.

“La posizione del governo nei confronti della legge sarda a favore delle persone con disturbo dello spettro autistico è un ulteriore conferma dell’importante lavoro svolto dalla Regione per approdare a un testo organico che ribadisca e rafforzi il diritto all’assistenza e all’inclusione scolastica, sociale e lavorativa delle persone con autismo nell’Isola, attraverso disposizioni a tutto tondo, attese da tempo”, dichiara il Presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas. “Non possiamo che ritenerci soddisfatti – prosegue il Presidente – per la decisione del Governo di non impugnare la legge 14. Oggi si stima che circa un bambino su settantasette soffra a causa di disturbi dello spettro autistico, la Regione è vicina alle famiglie e la disposizione di legge licenziata a luglio testimonia la nostra ferma volontà di mettere in campo ogni azione possibile a sostegno di chi, ogni giorno, vive e affronta questa difficile realtà”.

Da Roma solo un’osservazione da parte dell’Ufficio legislativo del Ministero dell’Istruzione, relativa al secondo comma dell’articolo 1. “Si tratta di un’integrazione che abbiamo già predisposto e contiamo di portare in aula il prima possibile, che rafforzerà le disposizioni – indicate alla lettera c) – che definiscono l’impegno della Regione sulla predisposizione di azioni in materia di formazione permanente del personale sanitario, socio educativo e scolastico”, conclude il Presidente.