Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Porto di San Teodoro, via al completamento delle opere. L'Assessore Salaris: "Promessa mantenuta, puntiamo a rendere efficiente l’infrastruttura"

Lo ha deciso la Giunta su proposta dell’Assessore dei Lavori Pubblici, Aldo Salaris, che con la delibera dà seguito alla volontà della espressa nel corso dell’ultimo sopralluogo avvenuto due mesi fa di sostenere il rilancio dell’infrastruttura portuale.
Assessorato Lavori pubblici
Cagliari, 14 ottobre 2022 – Via al completamento del porto turistico di San Teodoro grazie alla riprogrammazione degli interventi del Piano regionale delle Infrastrutture. Lo ha deciso la Giunta su proposta dell’Assessore dei Lavori Pubblici, Aldo Salaris, che con la delibera dà seguito alla volontà della espressa nel corso dell’ultimo sopralluogo avvenuto due mesi fa di sostenere il rilancio dell’infrastruttura portuale. Sotto il profilo finanziario si tratta del trasferimento della somma di 2.267.997 euro in carico alla Regione al Comune di San Teodoro (senza modifica del cronoprogramma del Piano delle infrastrutture).

Il primo intervento riguarda la realizzazione di un primo lotto, in corso di collaudo, e un lotto di completamento, di cui è in corso l’aggiornamento della progettazione esecutiva, che deve essere ancora avviato, entrambi in gestione diretta da parte della Regione. Il secondo intervento riguardante la realizzazione di un secondo lotto, per il quale è in corso l’aggiornamento della progettazione definitiva, che è stato delegato amministrativamente al Comune di San Teodoro.

Guardando al piano della portualità nel suo complesso, di cui il porto turistico di San Teodoro fa parte, l’obiettivo della Regione è quello di efficientare le strutture esistenti, ottimizzare i posti barca e realizzare nuove infrastrutture portuali gli obiettivi primari del Piano regionale. “Fin dal 2019 – ricorda l’Assessore dei Lavori Pubblici, Aldo Salaris - la Giunta Solinas ha creduto in questo strumento di pianificazione e programmazione fondamentale che permette a un segmento rilevante della nostra economia, quello della portualità, di crescere disciplinandolo e mettendolo a sistema con l’obiettivo di consentire all’intera Sardegna di avere strutture di riferimento sia in termini di servizi e sia in termini di maggior attrattività”. Sulle tempistiche l’Assessore Salaris ha evidenziato come si stia per concludere la fase di Vas, Valutazione ambientale strategica, necessaria per coniugare le esigenze di tutela ambientale con le politiche di sviluppo legate al Piano: “Il potenziamento della rete dei porti della Sardegna rappresenta una opportunità di sviluppo non solo del settore del turismo diportistico, ma dell’intera Isola. Un obiettivo a cui contribuirà anche il Piano della portualità turistica, che entro l’estate contiamo di portare a conclusione”.